Goldaniga: “Proverò a fermare Immobile, con Acerbi c’è una scommessa in palio”

Goldaniga: “Proverò a fermare Immobile, con Acerbi c’è una scommessa in palio”

di redazionecittaceleste

ROMA – Edoardo Goldaniga, centrale del Frosinone, domenica affronterà la Lazio. Ai microfoni del Messaggero, il giocatore gialloblu ha lanciato la sfida a Immobile e ha rivelato la scommessa fatta con Acerbi:

Goldaniga, il 30 agosto 2015 lei esordiva in Serie A…
«È un bel traguardo. Sono contento perché inizia il quarto campionato. È una grande soddisfazione, anche se penso e spero di essere ancora all’inizio e di fare tanti altri anni».

La Lazio è la prima squadra a cui ha segnato con il Palermo.
«È stata un’emozione incredibile, era la mia prima da titolare in Serie A. Sono partito subito bene. È stato importante fare gol all’Olimpico in uno stadio così prestigioso».

La Lazio è avvertita: lei sa come si fa.
«(Ride, ndr). Speriamo di ripeterci!».

È curioso che il secondo gol in carriera l’abbia segnato al Frosinone.
«Eh sì. Quando sono arrivato al Frosinone, mi hanno ricordato che la rete era viziata da un fuorigioco non segnalato».

È mai stato vicino al trasferimento in biancoceleste?
«C’era stato un interessamento due estati fa».

Ancora Lazio, perché Nesta è il suo idolo.
«Sì, sia come giocatore sia per l’esempio che dava fuori dal campo. Così come Maldini, un altro monumento per me».

Dall’esordio ad oggi cosa è cambiato?
«Il primo anno a Palermo abbiamo raggiunto la salvezza. È stato positivo anche a livello personale. Il secondo siamo retrocessi, ma è stato un anno da ricordare perché ho giocato tante partite. La scorsa annata (al Sassuolo, ndr) è stata un po’ sfortunata per gli infortuni. Sono partito con un’operazione per un’ernia inguinale e dopo 14 partite di fila ho avuto uno stiramento che mi ha tenuto fuori due mesi, gli ultimi del campionato».

Quale è il suo sogno nel cassetto?
«Ci sono tanti sogni da realizzare ancora. Pensiamo una cosa alla volta. Il mio obiettivo principale è quello di fare tante partite e di salvarci».

Che partita si aspetta domenica?
«Gara difficile. La Lazio è una delle più attrezzate e poi sono già due anni che lavorano insieme a mister Inzaghi. Ma non partiamo sconfitti».

In attacco ci sarà Immobile.
«Se fa paura? Sì, ma ce la metterò tutta per fermalo».

In difesa ritroverà Acerbi, stavolta da avversario.
«Mi farà molto piacere ritrovarlo. Lo scorso anno mi è stato vicino ed è stato un ottimo compagno di reparto.Giocare con lui vicino è tanta roba. È molto forte, ti stimola e ti aiuta. Ci lega un rapporto extra-calcistico».

Quindi chi perde offre la cena?
«Esatto. Speriamo che la paghi lui! (Ride, ndr)».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy