Governato: “Lazio, Mauri è un grande capitano”

Governato: “Lazio, Mauri è un grande capitano”

L’ex calciatore e direttore sportivo della Lazio, Nello Governato è intervenuto ai microfoni della redazione de “I Laziali Sono Qua”, trasmissione radiofonica in onda dal lunedì al sabato dalle 10 alle 13 sugli 88.100 FM “Se mi aspettavo una Lazio così forte? Onestamente no. All’inizio del campionato pensavo che fosse…

L’ex calciatore e direttore sportivo della Lazio, Nello Governato è intervenuto ai microfoni della redazione de “I Laziali Sono Qua”, trasmissione radiofonica in onda dal lunedì al sabato dalle 10 alle 13 sugli 88.100 FM

“Se mi aspettavo una Lazio così forte? Onestamente no. All’inizio del campionato pensavo che fosse una squadra da 4°/6° posto. Mi sembrava dietro a Juventus, Roma e Napoli. In questo momento invece la ritengo la seconda squadra della Serie A, dietro solamente alla Juventus. Lo dico sia per i risultati che sta ottenendo, sia per come gioca”.

A chi vanno riconosciuti i principali meriti di questo exploit?
“A Stefano Pioli. Ha costruito un gruppo molto solido e lo sta facendo rendere al meglio. Penso a Felipe Anderson e a Biglia, che l’anno scorso non erano neanche lontanamente paragonabili ai giocatori che stiamo ammirando quest’anno”.

 

 

 

Dove crede che arriverà la Lazio a fine stagione?
“Mi sbilancio. Sicuramente tra le prime tre. Sono convinto che la Lazio sia più forte del Napoli e che arriverà davanti alla squadra di Benitez, al di là del pareggio in Coppa Italia e di come finirà la semifinale di ritorno. Una sfida conta poco, ma su 12 partite mancanti vedo molto meglio i biancocelesti rispetto ai partenopei. Certo, con un pizzico di fortuna, si può anche sognare il secondo posto. Quest’anno non si può perdere l’occasione di tornare in Champions League, anche perchè l’anno prossimo Inter e Milan non saranno certo le squadre che stiamo vedendo adesso”.

Parliamo dell’uomo del momento, Danilo Cataldi. All’80° di Lazio-Fiorentina ha vestito per la prima volta la fascia di capitano. Una parte della stampa ha iniziato a chiedere che questa soluzione sia permanente. Lei cosa ne pensa?
“Bisogna lasciarlo tranquillo. Personalmente non gli darei la fascia di capitano in questo momento. Aspetterei almeno la fine di questa stagione. Io credo che la Lazio un grande capitano ce l’abbia già e sia Stefano Mauri. Per il futuro si vedrà. Mi auguro comunque che possa ripercorrere quanto fatto da Alessandro Nesta”.

Lei è nato a Torino e ha giocato nelle Giovanili della squadra granata. Lunedì alle 19 la Lazio sfiderà gli uomini di Ventura. Cosa si aspetta dalla partita?
“Se la Lazio gioca come sa può far sua la partita. Bisognerà stare attenti al pressing, ai calci piazzati e al contropiede, le armi più pericolose che ha il Torino di Ventura. Certo è che se la Lazio dovesse vincere anche a Torino il secondo posto non sarebbe più solamente un sogno”. (Tuttomercatoweb.com)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy