Immobile: “Terremoto? Il calcio passa in secondo piano”

Immobile: “Terremoto? Il calcio passa in secondo piano”

Queste le parole del giocatore biancoceleste al termine della sfida contro il Cagliari

ROMA – Queste le parole di Ciro Immobile al termine della sfida contro il Cagliari a Lazio Style: “Terremoto? Il calcio deve passare in secondo piano. Abbiamo saputo sia prima della partita che a fine primo tempo. Grigioni è di Terni. Io ero preoccupato con mia figlia da sola a casa, mia moglie mi ha detto che si è sentito forte. Per fortuna non ci sono stati feriti e vittime”. Ciro finalmente esulta: “Sono contento perché stiamo facendo tutto quello che proviamo e per l’attaccante è più facile concretizzare le occasioni. Oggi non c’è mai stata partita, la Lazio ha giocato alla grande. Sono contento anche perché Felipe si è sbloccato. Ci divertiamo in campo perché abbiamo un mister giovane e adesso siamo squadra e giochiamo tutti per il compagno”. Nessun duello con Dzeko: “Penso solo a vincere, la classifica è corta, ma dobbiamo goderci il momento. Faccio i complimenti a tutti, l’obiettivo va di pari passo con la squadra. Ogni campionato ha una storia a sé. So che è difficile fare il capocannoniere perché ci sono tanti campioni in Italia. Ma ci proverò, grazie agli assist dei miei compagni”. Ciro addirittura arretra e va a prendersi il pallone: “Non sono un attaccante a cui piace stare fermo, al di là del mio cognome. Mi piace aiutare la squadra e giocare sempre insieme. Cerco di sfruttare la profondità e il taglio alle spalle del difensore”. 10 partite, 8 gol: “E’ difficile fare pronostici, ho lavorato e ho avuto la fiducia del mister e questo per un giocatore è importantissimo. Ringrazio anche l’ambiente Lazio che non mi ha fatto sentire la pressione di dover sostituire un campione come Klose”.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy