Inzaghi: “Vogliamo essere la guastafeste per lo Scudetto. Juve? Alleno già una big”

Inzaghi: “Vogliamo essere la guastafeste per lo Scudetto. Juve? Alleno già una big”

Queste le parole del mister biancoceleste…

ROMA – Dopo la roboante vittoria di ieri pomeriggio sul Sassuolo, il mister biancoceleste Simone Inzaghi è intervenuto in esclusiva a ‘Radio Anch’io lo Sport’ su Radio 1 per parlare del momento vissuto dalla sua squadra: “Stiamo vivendo un bel momento, abbiamo fatto due mesi nel migliore dei modi grazie soprattutto ai ragazzi che si sacrificano l’uno per l’altro. Sta nascendo un bel gruppo, è normale che si parli di noi. Abbiamo vinto la Supercoppa dopo questi due mesi, sfrutteremo la sosta per recuperare energie fisiche e mentali dovute alle tante partite e poi ricominceremo il tour de force con tante partite in pochi giorni”.

PRONTO PER UNA BIG? – “L’ho già detto più volte: sono già in una grande che è la Lazio. Qui ho avuto la fortuna di fare la mia carriera da calciatore, ho vinto tanto da allenatore nelle giovanili, con soddisfazioni che resteranno con me per tutta la vita. Lo Scudetto? Il Napoli sta facendo benissimo, la Juve c’è, noi vogliamo fare da guastafeste. Inter e Milan cercheranno di rendere difficile il percorso alle tre favorite ovvero Napoli, Juventus e Roma. Il Var? Sono favorevole. Non eravamo abituati ai tempi morti ma con la Var magari non ci saranno più episodi clamorosi“.

SU LUIS ALBERTO

“E’ stato preso dal direttore, Igli Tare. Lo scorso anno ha avuto qualche problema di ambientamento, non conosceva calcio e lingua. Dal ritiro del 4 luglio è arrivato con voglia di lavorare, si è messo a disposizione, prima dell’arrivo di Leiva l’ho provato da play basso e aveva fatto bene. E’ un giocatore con tantissime qualità e il suo ruolo congeniale è questo. Il merito va a lui per come ha iniziato a lavorare, per il modo in cui è partito in questa stagione”.

LAZIO OUTSIDER

“Dobbiamo esserlo. Dobbiamo restare in alto: sulla carta siamo meno attrezzati dei nostri competitor ma dobbiamo restare lì come fatto la scorsa stagione. Sarà più difficile con l’Europa che cercheremo di onorare nel migliore dei modi: ci sarà qualche difficoltà in più ma siamo partiti bene e vogliamo continuare così. Noi abbiamo un ds valido che sa scegliere, abbiamo tanti giocatori slavi come dite voi -risponde allo studio-, ma a prescindere dalla provenienza l’importante è il sacrificio dei ragazzi. Si divertono giocando e anche durante gli allenamenti, stanno bene insieme, vanno molto d’accordo. Io cerco di attingere alle forze che mi danno e consentono, il nostro segreto è il gruppo perché tutti sono a disposizione di squadra e staff tecnico”.

SUL MODULO E LE SCELTE

“Lo scorso anno ho cambiato spesso modulo, dopo un anno e mezzo abbiamo trovato degli automatismi e penso di restare così indipendentemente dal rientro di Nani e da quello che ci sarà di Felipe Anderson. Con tutte le partite che avremo potrò scegliere, spero dopo la sosta di recuperare giocatori anche in difesa”.

LA PROSSIMA ALLO JUVENTUS STADIUM

“Giocare lì non è mai semplice, hanno un ruolino di marcia pazzesco. Cercheremo di fare una grande partita, troveremo una Juventus arrabbiata, servirà una gara perfetta sapendo che quando la si fa ci possono essere chance. Loro restano comunque la miglior squadra italiana. Potendo tornare indietro quale partita rigiocherei? La gara col Napoli, senza dover mettere centrocampisti in difesa perché avevo finito i difensori. Io avevo sensazioni molto molto positive alla fine del primo tempo, era stato quasi perfetto eccezion fatta per il palo esterno di Hamsik. Me la vorrei rigiocare con gli stessi effettivi”. Queste invece le dichiarazioni di Paolo Di Canio sulla Lazio: CONTINUA A LEGGERE

simone-inzaghi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy