Italia, Costacurta: “Il calcio italiano è stato massacrato. Oggi bisogna vincere e ripartire”

Italia, Costacurta: “Il calcio italiano è stato massacrato. Oggi bisogna vincere e ripartire”

di redazionecittaceleste

ROMA – Queste le parole del sub-commissario della FIGC Alessandro Costacurta ai microfoni di Sky Sport riguardo la partita di stasera: La musica deve cambiare rispetto all’ultimo anno. Dobbiamo dimenticare quello che è successo e ripartire. Ho avuto l’impressione che si sia massacrato il calcio italiano: forse gli svedesi non erano poi così scarsi. Ci sono delle vie da seguire. Roberto è stato chiaro: ha detto che vuole che la squadra giochi bene, vinca e abbia coraggio. Stasera è importante vincere, giochiamo contro una squadra atletica e con più minuti nelle gambe. Lo abbiamo visto con l’Under 21 ieri: può diventare complicato. Però noi sappiamo cosa vogliamo fare e vogliamo tornare a vincere”.

 

POCHI GIOVANI

“Sarebbe bello non preoccuparsi, invece secondo me c’è da preoccuparsi. Quel problema c’è, però io in questi 3-4 mesi ho vissuto anche le nazionali giovanili, penso che tra poco tanti giocatori italiani giocheranno. Ho tanta fiducia, c’è qualità e aumenteranno gli italiani che giocheranno. Non so se abbastanza per tornare a vincere, ma per togliersi delle soddisfazioni questo sì”.

 

QUESTIONE FASCIA DA CAPITANO

“Il mio pensiero è che quella regola sia sbagliata. Io credo che la fascia da capitano debba essere quella che ogni capitano desidera. C’è una regola: io ho giocato con Davide (Astori, ndr) e credo che anche lui direbbe di rispettare le regole. In Italia siamo abituati a pensare alla sensibilità. Una regola c’è: lavoreremo con la lega per cambiarla, ma intanto c’è, perché non rispettarla? Poi lavoreremo per cambiarla perché è sbagliata, ma intanto c’è”.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy