Juve-Lazio, Allegri: “Marchisio assente. Complimenti ad Inzaghi, sarà una partita difficile”

Juve-Lazio, Allegri: “Marchisio assente. Complimenti ad Inzaghi, sarà una partita difficile”

Ultima ora

di redazionecittaceleste

ROMA – Juvenews.eu ha riportato le parole di Massimiliano Allegri in conferenza stampa in vista del match di domani contro la Lazio: “PJACA – “Sicuramente non partirà domani titolare, ma entrerà a partita in corso. Sta facendo molto bene, come a Firenze, e sicuramente sarà un valore aggiunto della Juve nei prossimi anni. CENTROCAMPO – Hernanes è quello che maggiormente può giocare davanti alla difesa. Lemina? È rientrato con un infortunio, verrà valutato dai dottori. LAZIO – C’è da fare i complimenti ad Inzaghi, la Lazio ha un’identità ben precisa e sta facendo grandi risultati. Non sarà una partita facile, dovremo lottare in una partita molto equilibrata. DIFESA – Abbiamo preso diversi gol piuttosto banali, molte volte abbiamo regalato. La cosa che bisogna fare è migliorare la difesa collettiva e cercare di migliorare il gioco di squadra. QUATTRO TENORI – Mandzukic con Higuain, Dybala e Pjanic? Potrebbe anche giocare Cuadrado al posto di uno dei tre… EVRA – È sereno, la situazione è semplice. Lui è un giocatore in uscita e per questo sta cercando la soluzione migliore, comunque si sta allenando bene TIFOSI – Per i risultati fatti dalla squadra le critiche sono eccessive, parlano i fatti. Quando si vince è un fatto straordinario, c’è da considerare la fatica, i sacrifici e la sofferenza. Chi ha vinto cinque scudetti si è sacrificato, ha lottato e lo sta facendo tuttora per arrivare al sesto scudetto. Per far questo ci serve l’equilibrio e il supporto dei tifosi, non siamo ottavi in classifica come lo scorso anno, non siamo fuori dalla Champions. Abbiamo raggiunto gli obiettivi, il giocar bene non so spiegarmelo, bisogna far combaciare la concretezza e la bellezza. Queste critiche però che ci sono e chi mi sono stato fatte non mi toccano, al Milan da primo in classifica ero criticato, così come alla Juve. Se ne devono fare una ragione, finché ci sarò io. Magari dopo arriverà qualcuno più simpatico, io lavoro per portar a casa risultati. L’obiettivo è arrivare a marzo dentro tutte le competizioni, vedremo mercoledì la Coppa Italia, ma il campionato è aperto. 3-5-2 – Ormai la squadra è nuova, non ci sono più i meccanismi di una volta. Dobbiamo crescere e mettere più qualità per potercela giocare con la squadre più grandi d’Europa. MESSAGGIO – È un messaggio per tutti, me compreso. Dobbiamo capire che nessuno ci regalerà niente, ci serve per entrare con più cattiveria. Sulla carta dovremo vincerle tutte, bisogna entrare in campo con la voglia di vincere sempre. NERVOSISMO – A Firenze ho sofferto la marcatura del quarto uomo (ride ndr). Io non ho mai commentato e detto una parola sugli arbitri, non c’è nulla. MAL DI TRASFERTA – A volte si fa bene in trasferta, altre stagioni si soffre di più. Quest’anno abbiamo perso a Milano per episodi contro il Milan e su due nostri regali con l’Inter. Abbiamo sbagliato solo a Genova, con tre gol in 25 minuti. Ciò che dobbiamo migliorare è il gioco, il resto sono chiacchiere. CAMPIONATO APERTO – È impensabile che il campionato potesse essere chiuso, noi potevamo fare 57 punti, la Roma ne ha fatti 45 quindi per chiudere il campionato dovevamo farne almeno 55. Solo due anni fa si è vinto in anticipo, anche nell’anno dei 102 punti a tre giornate dalla fine la Roma era a -8. Non si può mai vincere così, vincere è una cosa straordinaria, non si può vincere sempre 3-0. Bisogna vincere soffrendo, indipendentemente dal mercato fatto. Al momento siamo in testa alla classifica, con una partita in meno, agli ottavi di Champions e mercoledì abbiamo i quarti di Coppa Italia. Ci vuole equilibrio per passare dai momenti difficili ai momenti dove tutto va bene. Non si perde valore dopo una sconfitta, al momento siamo in linea con l’andamento del campionato. Se uno pensava di poter fare 57 punti dopo 19 partite doveva farsi curare. Il campionato delle critiche lo abbiamo vinto. La Roma è stata costruita per vincere e si nascondono, il Napoli è stato costruito per vincere, l’Inter è stata costruita per vincere. Bisogna giocare con entusiasmo per raggiungere gli obiettivi. Vogliamo arrivare a Cardiff per la finale di Champions, bisogna migliorare il gioco e ritrovare la condizione migliore di Bonucci, Dybala e Marchisio. La serenità non deve essere intaccata. FORMAZIONE – Giochiamo a quattro con Lichtsteiner, Bonucci, Chiellini e Asamoah. Dani Alves è a disposizione per giocare mezz’ora, a centrocampo il dubbio è Pjanic, se farlo giocare in attacco o nei tre in mezzo. ABRUZZO – Voglio esprimere la mia vicinanza alla popolazione dell’Abruzzo, una terra a cui sono particolarmente legato e soprattutto la vicinanza a tutti i soccorritori. 300 IN A – Sono molto felice, devo ringraziare tutti i collaboratori che mi hanno aiutato. Spero di farne altrettante. MARCHISIO – Claudio ha un affaticamento muscolare, niente di preoccupante. Mercoledì sarà nuovamente a disposizione”. Ecco le parole di Immobile >>> CONTINUA A LEGGERE

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy