LA CONFERENZA – Inzaghi: “Meno 4 dal Milan? Io ho vinto lo scudetto a -9 dalla Juve”

LA CONFERENZA – Inzaghi: “Meno 4 dal Milan? Io ho vinto lo scudetto a -9 dalla Juve”

C’è l’ombra di Mihajlovic su Inzaghi, ora c’è Brocchi al Milan: “I rossoneri hanno cambiato. Sia Sinisa che Cristian sono due amici, dal 2012 è il sesto cambio in panchina, quindi non è colpa dei tecnici”.

ROMA – Bentornato all’Olimpico, Inzaghi. Riecco l’ultimo reduce dello scudetto del 2000 da allenatore. Sarà la sfida numero 1 contro l’Empoli tra i grandi. A livello di Primavera, Simone ha affrontato i toscani cinque volte e il bilancio è in attivo: due successi, altrettanti pareggi e una sconfitta. Da aggiornare le statistiche sulla panchina della Lazio big, magari con una vittoria proprio domani: “Essere stato prima un giocatore biancoceleste mi ha aiutato, ora ormai faccio da tempo il mister. Sono emozionato per la prima in casa, ma non potevo avere miglior esordio a Palermo, abbiamo vinto meritatamente. Questa settimana ho visto la squadra bene, domani cercheremo di fare il massimo contro una squadra molto organizzata. Noi siamo la Lazio, abbiamo l’obbligo di vincere”. C’è l’ombra di Mihajlovic su Inzaghi, ora c’è Brocchi al Milan: “I rossoneri hanno cambiato. Sia Sinisa che Cristian sono due amici, dal 2012 è il sesto cambio in panchina, quindi non è colpa dei tecnici”.

EUROPA – La Lazio deve recuperare 3 punti al Sassuolo e 4 al Milan, ma deve anche guardarsi dal Chievo che insegue ad una sola lunghezza. Ecco sei finali per l’Europa: “E’ una missione difficilissima, ma nel calcio non si sa mai. Io ho vinto uno scudetto partendo da meno 9. Non farò turnover, io guardo solo all’Empoli, anche se il calendario non è semplice. Da domenica sera penserò alla Juventus. Domani è un appuntamento importantissimo, è la seconda partita per migliorare la classifica e poi giocarci le nostre chance nelle ultime 5 sfide, che sono difficili ma alla nostra portata”.

L’AVVERSARIO – Non sarà semplice per Inzaghi perché all’ombra del Colosseo arriverà l’Empoli di Giampaolo, una delle sorprese di questa stagione. Saponara&co. hanno vissuto un periodo negativo lungo dodici giornate in cui non hanno trovato i tre punti, collezionandone appena sei frutto di 6 pareggi e altrettanti ko. Domenica scorsa, però, la squadra di Giampaolo s’è imposta nel derby contro la Fiorentina: “Nelle ultime due partite l’Empoli ha disputato due ottime gare, ma noi siamo la Lazio e non possiamo avere paura dei toscani. Hanno giocatori veloci davanti e sono organizzati, dovremo stare attenti”.

LA FORMAZIONE – Rilanciati Gentiletti e Onazi: “La settimana di Norcia mi ha fatto capire che erano pronti e che ci potevano dare una grossa mano. Al Barbera hanno fatto un’ottima gara. Milinkovic? Ora sta bene, è un centrocampista moderno, vedremo domani”.  Squadra che vince non si cambia, avanti col Fattore K (Klose-Keita): “Cos’è cambiato rispetto a Pioli? Non lo so, io vedo un grande spirito da parte di tutti e ora vogliamo dare il massimo”. Dal prossimo campionato la moviola in campo: “Penso sia una buona cosa, sopratutto sugli episodi più controversi. L’importante è che non si fermi una gara per 5-6 minuti. Ma al Barcellona avrebbe fatto comodo contro Simeone…”.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy