LA QUERELA – Gentile: “Nessuna violazione”

LA QUERELA – Gentile: “Nessuna violazione”

ROMA (Al.Ab.) – Come vi avevamo anticipato, il presidente Lotito ha presentato una querela in Procura a Roma nella quale accusa di diffamazione il direttore generale dell’Ischia Calcio, Pino Iodice. Il provvedimento, redatto dall’avvocato Gian Michele Gentile, è stato consegnato dal patron biancoceleste nelle mani del procuratore capo Giuseppe Pignatone.…

ROMA (Al.Ab.) – Come vi avevamo anticipato, il presidente Lotito ha presentato una querela in Procura a Roma nella quale accusa di diffamazione il direttore generale dell’Ischia Calcio, Pino Iodice. Il provvedimento, redatto dall’avvocato Gian Michele Gentile, è stato consegnato dal patron biancoceleste nelle mani del procuratore capo Giuseppe Pignatone. In base a quanto si apprende Lotito ritiene lesivi della sua onorabilità i giudizi espressi da Iodice dopo la divulgazione di una conversazione telefonica tra i due: “Noi riteniamo che ci siano dei diritti lesi e quindi di non violare alcuna clausola compromissoria”, spiega a Cittaceleste l’avvocato Gentile. Sarà d’accordo Marotta? A lui la Figc impedì a dicembre di adire le vie legali (per frasi altrettanto gravi), per non mettere a repentaglio la sua posizione e quella della Juve a livello sportivo, “accontentandosi” di vedere il presidente della Lazio solo multato (10 mila euro di ammenda) col patteggiamento. Ma ecco la differenza nell’autorizzazione del presidente Tavecchio: “La denuncia è partita da Iodice, l’altro attore della vicenda può difendersi senza clausola compromissoria”. 

 

 

CONTRATTACCO – Oggi il presidente della Figc Tavecchio gli ha “strappato” ufficialmente la delega alle riforme, ma ora diventa sempre più serio il rischio di una sua decadenza da consigliere. Perché in Procura Federale è pronta l’inibizione (non una semplice multa) già solo per gli insulti all’arbitro Farina. E potrebbe arrivarne un’altra più grave per l’ormai famosa telefonata con Iodice. Interrogatorio fiume per il dg dell’Ischia ieri a Via Campania: 4 ore di confronto con i vice-procuratori Piccolomini e Arpini. Domande incalzanti, risposte esaustive e nuovi sviluppi inquietanti sulla vicenda già finita da settimane nella procura di Napoli. «Vediamoci… Incontriamoci a Roma… Tu sei portato per liti più importanti», l’inizio degli sms – definiti da Iodice “minatori” – presentati nelle diverse procure. Ironia del destino, ieri il dg Iodice incrociava di faccia Gentile. Promessa già ieri dall’avvocato e sbandierata oggi una superquerela al dg dell’Ischia, con i messaggi registrati anche dal segretario generale Calveri. 

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy