L’anniversario “nostalgico” di Marchetti: “5 anni fa la mia prima volta con la Lazio”

L’anniversario “nostalgico” di Marchetti: “5 anni fa la mia prima volta con la Lazio”

Il portierone ricorda l’esordio con la maglia biancoceleste. Il suo futuro resta in bilico: in piedi lo scambio con Neto

ROMA – Ha rifiutato tutto perché non si vuole muovere da Roma. Ha detto no a uno scambio con Perin perché si sente un portiere da Lazio, non da Genoa. Ha ribadito ai compagni che resterà perché sente la fiducia d’Inzaghi e confida anche nell’intermediazione di Peruzzi. Lui, Marchetti, da anni considerato l’erede di Sant’Angelo oggi conferma tutto il suo attaccamento alla maglia biancoceleste. Federico ricorda il suo primo giorno “vero”: la Lazio scendeva sul campo dell’Olimpico per disputare la gara di playoff di Europa League contro i modesti macedoni del Rabotnicki Skopje, ai quali la truppa allenata da Reja rifilò per l’occasione sei reti. Esordio a guantoni inviolati per l’estremo difensore di Bassano del Grappa. Su twitter, Marchetti ricorda quella serata con uno scatto e un cinguettio: “La mia prima partita con la maglia della Lazio!”.

NOSTALGIA – Quasi una frase nostalgica di chi guarda al passato, sapendo che – nonostante il rinnovo di gennaio – il proprio futuro rimane in bilico. Da un paio di giorni si parla di uno scambio con Neto, la sistemazione juventina sarebbe senz’altro più che gradita, ma Federico si sente ancora un numero uno. Anche se a Torino potrebbe presto raccogliere l’eredità dell’amico Buffon, Marchetti vorrebbe restare a Roma anche per una precisa scelta di vita: lui e la moglie Rachele hanno da poco comprato casa alla Balduina e ormai si sono costruiti il loro mondo nella capitale. Ancora 12 giorni per scongiurare un altro trasloco: CONTINUA A LEGGERE

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy