Lazio, il Bari su Bollini. Reja lo consiglia: “Cura la fase offensiva in modo maniacale”

Lazio, il Bari su Bollini. Reja lo consiglia: “Cura la fase offensiva in modo maniacale”

E’ Alberto Bollini il nome più gettonato, in queste ore, per il ruolo di allenatore del Bari. 48 anni, mantovano, una vita in panchina. Ha iniziato ad allenare nemmeno trentenne in Emilia Romagna, prima di approdare alla Lazio, l’amore di una vita. Fra i giovani biancocelesti ha centrato due campionati…

E’ Alberto Bollini il nome più gettonato, in queste ore, per il ruolo di allenatore del Bari. 48 anni, mantovano, una vita in panchina. Ha iniziato ad allenare nemmeno trentenne in Emilia Romagna, prima di approdare alla Lazio, l’amore di una vita. Fra i giovani biancocelesti ha centrato due campionati Primavera, inframmezzati da esperienze perlopiù annuali nelle categorie professionistiche minori e le cantere di Sampdoria e Fiorentina.

Durante la stagione appena conclusa, nella gestione Reja, Bollini ha ricoperto la carica di vice brillante e leale. Un nono posto, quello conquistato con la Lazio, che ha piazzato i biancocelesti a pochi passi dall’Europa. Per conoscere di più sul suo profilo, TuttoBari.com ha contattato proprio Edy Reja, allenatore capitolino fino ad una settimana fa ed ex, fra gli altri, anche di Hajduk Spalato, Napoli e Cagliari. “Non posso che parlare di Bollini in termini positivi – ha raccontato alla nostra redazione – Per quanto riguarda il settore giovanile ha sempre fatto campionati non solo belli, ma straordinari. E’ uno che fa maturare molto bene i giovani, ha capacità di lavoro sul campo innovative, sia dal punto di vista tattico che tecnico”.

Quali allora, in concreto, le convinzioni calcistiche che Bari dovrebbe aspettarsi da Bollini? Dalle parole di Reja si scoprono associazioni interessanti con quanto interpretato già quest’anno dai biancorossi: “Bollini predilige il modulo 4-3-3 ma può fare anche il 4-2-3-1. Privilegia il gioco”. Dunque, un allenatore idoneo per praticare un calcio d’attacco… “Cura la fase offensiva in modo a dir poco maniacale”, la sentenza di Reja. (TMW)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy