Lazio, Pulici: “Lotito belle idee, peccato che non si siano concretizzate…”

Lazio, Pulici: “Lotito belle idee, peccato che non si siano concretizzate…”

ROMA – Per Felice Pulici, meglio la contestazione civile che le minacce al telefono. «Credo che stavolta a Lotito il messaggio sia arrivato — dice —. La protesta collettiva di domenica ha lanciato un segnale giusto e profondo, che penso abbia toccato la sua sensibilità. L’idea dei cartoncini è stata…

ROMA – Per Felice Pulici, meglio la contestazione civile che le minacce al telefono. «Credo che stavolta a Lotito il messaggio sia arrivato — dice —. La protesta collettiva di domenica ha lanciato un segnale giusto e profondo, che penso abbia toccato la sua sensibilità. L’idea dei cartoncini è stata bella e semplice: liberare la Lazio, non significa necessariamente andarsene, ma anche aprire a un pensiero diverso dal proprio». Pulici ricorda le parole di qualche mese fa di Lotito a Piazza San Silvestro:

 

«Aveva espresso concetti straordinari, parlando della tifoseria come colonna portante. Tutto giusto, soprattutto dopo il trionfo in Coppa: peccato che l’idea non si sia mai concretizzata. Il tifoso della Lazio si sente abbandonato a se stesso: non partecipa al progetto, e in questo calcio una società che non dà importanza ai tifosi è destinata a fallire».

Gazzetta dello Sport

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy