Le voci, Boksic: “Anni indimenticabili alla Lazio, grazie Cragnotti! E quella volta che Zeman..”

Le voci, Boksic: “Anni indimenticabili alla Lazio, grazie Cragnotti! E quella volta che Zeman..”

Ecco le dichiarazioni dell’ex biancoceleste..

ROMA- Alain Boksic è stato uno dei migliori attaccanti della storia della Lazio. L’ex biancoceleste si è confidato ai microfoni di Fantagazzetta, raccontando la sua vita e rispolverando i suoi ricordi: “Vivo su un’isola in Croazia, si chiama Mariaska, che ho comprato parecchi anni fa. Passo il tempo con la mia famiglia e mi dedico alle mie passioni (come lo sci nautico ndr). Ogni tanto vado in tv come commentatore, ma non parlo di calcio tutto il giorno…(ride ndr). In passato ho vinto tanto con squadre importanti. In Francia con il Marsiglia ho provato un’emozione indescrivibile con la conquista della Champions, alla Lazio ho vinto diversi trofei e con la Juve ho vinto tutto quello che c’era da vincere… Difficile davvero sceglierne una in particolare. Come allenatori cito Goethals, Lippi ed Eriksson. In merito agli ex compagni con qualcuno ci sentiamo ancora, in particolare con quelli di Nazionale, Davor Suker su tutti. Come presidente infine non posso che citare Cragnotti, mi ha voluto fortemente ed ha fatto di tutto per portarmi in Italia e poi riprendermi subito dopo l’esperienza a Torino”. L’intervista si chiude con aneddoto: “Ricordo quando al termine di una partita, dopo aver realizzato davvero un gran gol con un tiro sotto l’incrocio dei pali, al ritorno negli spogliatoi mister Zeman venne a rimproverarmi fortemente: avrebbe voluto che passassi la palla ad un compagno in quell’occasione…Ci scontrammo e poi grazie all’intervento dei miei compagni la situazione tornò alla normalità. Un giocatore su cui puntare in casa Lazio? De Vrij, un leader della difesa”.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy