LE VOCI – Lopez: “Cataldi ha le qualità per diventare un grande centrocampista”

LE VOCI – Lopez: “Cataldi ha le qualità per diventare un grande centrocampista”

L’ex centrocampista biancoceleste è intervenuto in collegamento a Lazio Style Radio, 89.3 FM: “Psicologicamente ci siamo rasserenati grazie alla gara giocata contro il Verona, ora la Lazio si sta preparando alla sfida in Turchia contro il Galatasray. Bisognerà partire con la testa ben preparata al massimo”

ROMA – Totò Lopez, ex centrocampista biancoceleste, è intervenuto in collegamento a Lazio Style Radio, 89.3 FM: “Psicologicamente ci siamo rasserenati grazie alla gara giocata contro il Verona, ora la Lazio si sta preparando alla sfida in Turchia contro il Galatasray. Bisognerà partire con la testa ben preparata al massimo, oltre alla squadra, anche l’ambiente ti obbliga a superare certi ostacoli e a fare una partita di livello. L’altra sera ho visto una squadra più viva e compatta”. Bene Cataldi: “Mi piace molto Danilo, un ragazzo intelligente, bravo, che sta al suo posto. In questo inizio di campionato è stato un po’ trascurato dall’allenatore, è chiaro che avrà subito un po’ psicologicamente. Però ha avuto pazienza, si è allenato ed ha saputo aspettare il suo momento. La cosa che mi ha stupito è che il ragazzo viene da un campionato eccellente, che è quello della scorsa stagione, alla ripartenza quest’anno, invece, è stato un po’ trascurato. Io gli affiderei la responsabilità completa del centrocampo, è successo quando Biglia è stato fuori per infortunio, a 21 anni ha una grande personalità. Lui con Biglia vicino sta imparando tantissimo, mi ha sorpreso moltissimo, secondo me ha le geometrie del calcio giuste per il classico regista. La scorsa stagione faceva parte del centrocampo con Biglia e Parolo, uno dei migliori d’Italia. Diamogli più fiducia, già Di Biagio e Conte hanno detto che Danilo avrà un grande futuro in Nazionale. La Lazio si ritrova questo giocatore che può essere un grande vantaggio, sia in questo momento che in futuro. Sposo la causa della società, ovvero tirare su in vivaio d’eccellenza, puntare sui giovani, a maggior ragione se italiani. Non vorrei vedere 10/11 di stranieri in campo, ma tre o quattro”.
Cittaceleste.it
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy