Le voci, Maurizio Insidioso: “Continuano a fare del male a me a Chiara”

Le voci, Maurizio Insidioso: “Continuano a fare del male a me a Chiara”

“Se le lettere di mia figlia fossero uscite prima non ci sarebbe stato sconto della pena per l’aggressore”

ROMA – Maurizio Insidioso è intervenuto nella trasmissione “Laziali on Air” per tenere sempre viva l’attenzione sulla tragica vicenda che ha colpito la figlia Chiara, Si parte dall’articolo uscito nei giorni scorsi sul quotidiano Il Tempo: “Negli ultimi giorni è successo di tutto. C’è gente che si alza la mattina e lancia appelli per mia figlia, non so neanche autorizzato da chi, per ottenere una casa che io non sto neanche richiedendo. Nell’ultimo periodo avevo trovato una dimensione di pace e di tranquillità con Chiara che ora è stata di nuovo rotta. Queste lettere uscite sul giornale (le lettere in cui Chiara cercava di placare le violente crisi di gelosia del fidanzato, ndr) mi hanno tolto la forza di camminare: fossero uscite prima probabilmente non ci sarebbe neanche stato lo sconto di pena. Potevano essere rese note prima, visto che il genitore che ha fatto uscire queste lettere è lo stesso che mi ha minacciato di morte quando cercavo di interrompere la relazione del figlio con Chiara”.

IL RETROSCENA – Queste lettere erano in casa dell’aggressore di Chiara: “Hanno detto di averle trovate poco tempo dopo l’accaduto, ma le hanno fatte uscire solo ora. Perché? Stanno cercando di riabilitarsi tardivamente? In questo modo hanno continuato solamente a farmi del male, sto cercando di stare accanto a mia figlia e invece mi vedo di nuovo disturbato e destabilizzato dai media e da chi li sobilla. Questa cosa non finirà qui”, spiega Maurizio Insidioso, “e la giustizia farà pagare chi ha sbagliato. Al momento mi sento un po’ a terra, svuotato, ma reagirò come ho sempre fatto, perché non permetterò che venga fatto ancora del male o che qualcuno manchi di rispetto a Chiara o alla mia famiglia”.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy