Le voci, Miele: “Hoedt sta lavorando bene, Inzaghi potrebbe affiancarlo a De Vrij”

Le voci, Miele: “Hoedt sta lavorando bene, Inzaghi potrebbe affiancarlo a De Vrij”

“Inzaghi vuole una squadra più corta perché così facendo garantisce più protezione, subendo meno gol. È ovvio che così si dà meno sfogo alla spettacolo ma si ha la possibilità di portare a casa qualche punto in più”

 

ROMA – Renato Miele, ex difensore biancoceleste, è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio 89.3 FM. “Contro la Juve si potrà testare il vero valore di questa Lazio e non contro l’Atalanta. Per ora abbiamo ricevuto buone indicazioni dal reparto difensivo. Hoedt è un giovane e se si impegna migliora, se migliora vuol dire che sta lavorando bene. La Lazio potrebbe trovarsi in casa un ottimo centrale da affiancare a de Vrij. Hoedt ha un coefficiente di crescita diverso e ragiona molto. Un po’ mi ricorda le mie caratteristiche di quando giocavo, io lavoravo molto con il cervello perché sapevo che avevo alcuni problemi e quando ragioni e ti impegni in campo si sbaglia di meno. Non credo che la Lazio abbia difficoltà di trovare il gol, in questo periodo gli attacchi soffrono la difficoltà nell’entrare nel gioco di squadra, bisogna dargli il tempo di sviluppare il gioco. In questa fase hanno vantaggi le difese perché i centravanti non hanno ancora assimilato i movimenti, le gambe sono imballate e manca lo spunto degli attaccanti. Quindi questa assenza di gol non è sintomatico di qualche problema ma semplicemente del periodo in cui le squadre stanno assestando le proprie tattiche. Inzaghi vuole una squadra più corta perché così facendo garantisce più protezione, subendo meno gol. È ovvio che così si dà meno sfogo alla spettacolo ma si ha la possibilità di portare a casa qualche punto in più”. Ecco le parole del presidente del Montpellier >>> CONTINUA A LEGGERE

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy