Le voci, nipote Maestrelli: “Portare questo nome è un vanto, mio nonno ha lasciato il segno nel calcio”

Le voci, nipote Maestrelli: “Portare questo nome è un vanto, mio nonno ha lasciato il segno nel calcio”

“Giocare nella Lazio sarebbe un sogno. Sono tifoso biancoceleste, anche se adesso, giocando la seguo meno, ma pensare di avere un altro Maestrelli con la maglia biancoceleste sarebbe un’emozione grandissima”

 

ROMA – Tommaso Maestrelli, nipote dell’allenatore che portò la Lazio a vincere il suo primo scudetto, è intervenuto ai microfoni di Radio Olympia: “La Lazio ha sempre rappresentato un qualcosa di importante per tutta la mia famiglia. Ero in campo, piccolissimo, il giorno del centenario ed ho sempre sentito tanti racconti sulla squadra che con mio nonno in panchina ha vinto lo scudetto. So che nonno faceva anche da padre per tanti calciatori. Soprattutto per uno: Chinaglia. In questi anni tanti giocatori che lui ha cresciuto mi hanno seguito. Su tutti Pino Wilson e Giancarlo Oddi che è stato anche mio allenatore. Giocare nella Lazio sarebbe un sogno. Sono tifoso biancoceleste, anche se adesso, giocando la seguo meno, ma pensare di avere un altro Maestrelli con la maglia biancoceleste sarebbe un’emozione grandissima. Portare quel nome e quel cognome per me è sempre stato un vanto e non un peso. Dovunque sono andato ho sempre ricevuto tanta stima e complimenti segno che mio nonno ha lasciato il segno nel mondo del calcio”. Ecco le parole di Cruciani >>> CONTINUA A LEGGERE

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy