Le voci, Oddi: “Keita deve giocare. Anderson? potrebbe essere più forte di Neymar, ma…”

Le voci, Oddi: “Keita deve giocare. Anderson? potrebbe essere più forte di Neymar, ma…”

L’ex difensore biancoceleste ha parlato in esclusiva ai microfoni di Radiosei della finale di TIM Cup, ecco le sue parole…

ROMA –Come arriva la Lazio? Rispetto a quando i ragazzi di Inzaghi hanno incontrato la Juventus in campionato hanno più consapevolezza dei propri mezzi. Nel derby hanno annichilito la Roma e visto che i giallorossi hanno battuto i bianconeri non vedo perché non possa farlo la Lazio. Mi auguro che i biancocelesti provino a giocarsela ribattendo colpo su colpo: si deve essere duri nel ritmo altrimenti si rischia di essere schiacciati. Allegri ha ancora in mano il campionato e il richiamo alla serenità è dovuto al fatto che dopo tanti elogi, la sconfitta dell’Olimpico può far perdere le certezze. Vincere non è mai facile e la Lazio ha almeno il 45% di possibilità di vittoria. Vincere un trofeo contro la Juventus per la Lazio sarebbe il massimo anche se già la stagione è ottima con l’accesso all’Europa League. Dovesse arrivare una sconfitta nella finale non cambierebbe il giudizio definitivo sull’annata“.

LE SCELTE – “Spero che non manchi Parolo e che i giocatori vadano in campo senza paura. Inzaghi sa tutto quanto e se la sua squadra farà la partita perfetta, con carattere, voglia, cattiveria, nella sfida secca può arrivare la vittoria. In questo momento Keita deve giocare visto che ha fatto vincere le partite importanti. In difesa sono indeciso tra Hoedt, Radu e Bastos: se l’angolano sta come visto ultimamente lo vedrei bene, anche Radu però può essere utile. Hoedt credo sia più staccato rispetto agli altri due. Bastos è ideale per tutto, ha velocità e fisicità, ma contro uno come Mandzukic anche Wallace può essere a suo agio vista la stazza. Con uno dei due non si sbaglia, magari favorito può essere il brasiliano. Un giocatore come Felipe Anderson se avesse ‘l’ignoranza’ di Keita sarebbe più forte di Neymar. Luis Alberto, dopo averlo visto all’opera, è evidente che sa giocare a calcio: ci può stare nella rosa della squadra, però non capisco perché ha giocato poco. Certo la Lazio ha fatto benissimo quindi alla fine è andata bene così”. Oggi ha parlato della finale anche Agostinelli: CONTINUA A LEGGERE

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy