Le voci, Petrelli: “La società doveva acquistare difensori italiani”

Le voci, Petrelli: “La società doveva acquistare difensori italiani”

“Spero che Immobile faccia quello che ha fatto vedere ultimamente, non con le squadre straniere, ma quando giocava qui”

 

ROMA – L’ex terzino biancoceleste, Sergio Petrelli, è intervenuto in collegamento a Lazio Style Radio:“Vedremo domenica contro l’Atalanta cosa succederà. Sono molto fiducioso verso questa squadra giovane, non è male, è molto interessante ed è una fascia superiore a quella dell’Atalanta. Spero che Immobile faccia quello che ha fatto vedere ultimamente, non con le squadre straniere, ma quando giocava qui. Veloce, guizzante, un po’ scapestrato, cosa che nel calcio non guasta mai perché bisogna inventare in campo. Un’esperienza all’estero, anche se andata male, può essere comunque utile e positiva. Quando si vede un altro calcio, si possono capire tante cose. Secondo me la società ha peccato nel non trovare un difensore italiano. Sono i migliori, sanno comandare i compagni e piazzare una difesa davanti al portiere. Gli stranieri non comandano le difese come si deve ma, in ogni caso, de Vrij ci fa sorridere ed è uno di quei pochi giocatori che fa giocare bene i compagni di reparto. E’ un buon giocatore, sta diventando un difensore più italiano che olandese. Gli stranieri giocano molto per farsi notare, invece lui è uno che va al sodo. Ha capito perfettamente come si gioca in Italia, bisogna essere abbastanza rudi ma nello stesso tempo saper governare la difesa. Quello che un giocatore italiano dovrebbe fare, lui è già in grado di farlo. Di solito si dice che quando i difensori vogliono maturare tatticamente, devono venire in Italia”. Intanto Leitner non vede l’ora di cominciare la stagione >>> CONTINUA A LEGGERE

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy