LE VOCI – Sulfaro a LSR: “Se non segni perdi la partita”

LE VOCI – Sulfaro a LSR: “Se non segni perdi la partita”

Michelangelo Sulfaro parla alla radio ufficiale della Lazio

sulfaro
ROMA – Michelangelo Sulfaro, ex portiere biancoceleste, è intervenuto in collegamento a Lazio Style Radio, 89.3FM:  “Fino ad ora ho visto la Lazio giocare bene, ieri ha sprecato troppo e quando succede questo, le partite si perdono. Se Inzaghi dovesse rimanere sarei contento, è un laziale, preferisco tenermi lui invece di andare a prendere altri nomi. Anche Mihajlovic mi piace, almeno sai che sono laziali e tengono anche alla maglia. A Marassi il gioco c’è stato in campo, Inzaghi sta lavorando bene, non è semplice entrare in uno spogliatoio con persone che hanno quasi la tua stessa età. È dura mettere d’accordo trenta persone. Ieri quando andavano a fondo campo e buttavano la palla dietro, non c’era nessuno a raccogliere per metterla dentro. Lulic era troppo impegnato a coprire, e come non ha coperto abbiamo preso gol. Lulic è a sempre al 100% ed è uno dei pochi che dà il massimo, non possiamo dirgli niente, è fondamentale in campo gioca bene sia in fase offensiva che difensiva. Anche Konko e Basta, quando stanno bene, non giocano male. I centrali non riescono a ingranare, di questo passo si rimpiange Cana, Gentiletti da quando si è fatto male non è più lo stesso. De Vrij è insostituibile, si sentono queste mancanze, e la difesa ne soffre sempre di più. Inzaghi fino ad ora ha fatto scelte tecniche ben precise e le sta portando avanti. In attacco ora proverei anche uno dei ragazzi della Primavera che ha convocato, Rossi o Palombi, visto che Matri e Klose non stanno bene. Li proverei per vedere cosa possono dare, così come Guerrieri in porta. Lui lo farei giocare per capire se devo darlo via per fargli fare dell’esperienza in più o se posso tenerlo per qualche coppa.Morrison non si può ancora valutare, solo cinque o dieci minuti non sono valutabili in pieno“.
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy