• SUL CAN.85 DELLA TUA TV TROVI CITTACELESTE TV - 24 ORE AL GIORNO, IN DIRETTA, PER PARLARTI DI LAZIO!

Inzaghi: “Milinkovic soffre le critiche ma ho fiducia in lui”

Inzaghi: “Milinkovic soffre le critiche ma ho fiducia in lui”

di redazionecittaceleste

ROMA – In vista di Lazio-Genoa, Simone Inzaghi è intervenuto in conferenza: “Siamo in un momento positivo, abbiamo ottenuto tre vittorie consecutive dopo le prime due sconfitte. I ragazzi sono stati bravi a zittire le critiche. Stiamo lavorando bene. Siamo capaci di soffrire, ma dobbiamo crescere ancora. Domani sarà un match importante”.

La Lazio sta cambiando rispetto all’anno scorso?

“Non voglio vincere 1-0 ma nemmeno prendere tanti gol. Stiamo cercando un equlibrio, i ragazzi mi danno retta e stanno crescendo”.

Come sta Luis Alberto e come lo gestirai?

“Non manca di preparazione estiva. Gli mancava la preparazione con la palla, ma non ne ha tanto bisogno. Sta recuperando la condizione, è in crescita e ha fatto due gol importanti. Se Correa non fosse stato squalificato per l’Apollon avrei fatto riposare lo spagnolo, ma sono soddisfatto di quello che ha meso in campo. Ma da lui e da altri mi aspetto un miglioramento. Tornerà devastante”.

E Milinkovic?

“Lui ha perso la preparazione in estate. E’ un ragazzo giovane e sensibile, ha sentito qualche critica piovutagli addosso. Ma lo vedo migliorato, ha grande fiducia da parte mia”.

Tanti ex in questo match..

“Sono contento, rivedrò con piacere Ballardini, Pandev e Marchetti. Ballardini è bravo, Goran è un mio ex compagno di squadra ma purtroppo quando lo incontro mi segna sempre e con Federico avevo un grande rapporto. E’ stato il portiere che ho scelto quando sono diventato il tecnico della Lazio. Sta facendo bene, gli auguro tutte le fortune a partire da lunedì”.

I problemi in vista del derby?

“Dovrò valutare le condizioni fisiche di tanti giocatori. Luiz Felipe, Radu, Berisha e Lukaku non ci saranno contro il Genoa, poi vedremo partita dopo partita chi riuscirò a recuperare”.

Senti la pressione dopo la scorsa stagione?

“E’ normale, come sempre. La pressione è importante per tutto il gruppo: abbiamo fatto cose straordinarie nella passata stagione, non dobbiamo nasconderci e lavoreremo al meglio in vista di tante partite provando a dare il massimo. Abbiamo svolto cinque gare ufficiali e ne mancano ancora tante che proveremo ad affrontare una per volta. Io devo lavorare e portare i risultati, vedremo il campo cosa dirà”.

Che squadra è il Genoa?

“La conosciamo, è bene allenata. L’anno scorso avremmo meritato più punti contro di loro ma non è semplice vincere contro il Grifone. Dovremo avere grande ferocia ed essere lucidi. Non avremo molti spazi per le nostre giocate. L’attaccante polacco dei rossoblu sarà un osservato speciale, come lo sarà Goran Pandev”.

Gli errori sotto porta sono tanti?

“Sì, stiamo però lavorando per migliorare anche su questo aspetto. Se vogliamo crescere dovremo essere più cattivi sotto porta”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy