L’OPINIONE / Galderisi: “Non mi sono piaciute le parole di Klose a fine partita”

L’OPINIONE / Galderisi: “Non mi sono piaciute le parole di Klose a fine partita”

Klose

ROMA – La Lazio non riesce nell’impresa di arginare la Juventus. Giuseppe Galderisi, in diretta su Radio Incontro Olympia, analizza la partita commentata ieri sera per Rai Sport: “E’ stata una bella partita, equilibrata e tesa per 90 minuti. Ho visto due squadre atleticamente in ottima forma, però la Juventus non perdona, ti concede al massimo un’occasione a partita e se non la sfrutti perdi. Se non avesse affrontato la Juventus la Lazio avrebbe passato il turno, non ci sono altre squadre come quella bianconera, la Lazio ha tenuto testa. Non mi sono piaciute le dichiarazioni di Klose, da un giocatore esperto e di personalità come lui, non posso accettare quelle parole. Dire che sono quattro anni che non riceve palloni e che rispetta le decisioni del mister ma vorrebbe il ritorno di Mauri in campo, è come se avesse scaricato le responsabilità su altri. Un campione come lui deve essere un positivo e trascinare i compagni, in questi momenti bisogna parlare poco e lavorare molto per recuperare terreno. Alla Lazio è mancato l’uno contro uno, arrivava bene fino agli ultimi trenta metri ma poi non riusciva ad essere incisiva. Mi è piaciuto Keita che è stato l’unico che ha provato a creare la superiorità, mi ha deluso Felipe Anderson, da un piccolo fenomeno come lui mi aspetto di più. Dybala si è creato due palle goal clamorose, però c’è molta differenza adesso tra i due giocatori. Felipe Anderson ha i numeri, ha straordinarie doti tecniche però qualcosa gli manca perchè non si può passare dal rendimento dello scorso anno a quello attuale. Ieri negli ultimi minuti c’era bisogno delle sue giocate per provare a trovare l’episodio per riaprire la partita. Pioli deve poter contare su di lui in momenti decisivi altrimenti se ci sono dei limiti caratteriali è giusto fare delle valutazioni. La Lazio ha fatto il massimo, poi nel finale se fosse finita con due o tre goal di scarto nessuno avrebbe detto nulla, Berisha ha fatto due grandi interventi. La Juventus ha giocato da squadra umile, con la convinzione della propria forza, per questo la Lazio ha faticato anche nel finale a costruire occasioni da goal, perchè la Juventus pressava molto alto. Ieri ho visto Bisevac per la prima volta e mi ha fatto un’ottima impressione, ho visto grandissima personalità, nonostante fosse all’esordio ho visto chiamare più volte i compagni. Ho visto un giocatore che riesce a leggere le giocate con grande intelligenza”.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy