L’OPINIONE – Governi: “ll tifoso della Lazio si è imborghesito”

L’OPINIONE – Governi: “ll tifoso della Lazio si è imborghesito”

Giancarlo Governi dice che il tifoso della Lazio si è imborghesito

tifoso

ROMAGiancarlo Governi, giornalista e scrittore, è intervenuto all’interno di CITTACELESTE FM, in onda sugli 88,100 di Elle Radio e su CITTACELESTE TV, canale 669 del digitale, dalle 17,30 alle 19,30: “Io sono abituato a fischiare alla fine. Ci sono stati tempi che l’abbiamo incitata anche quando perdeva di molto. Se poi vediamo che la squadra sta andando male, allora è giusto fischiarla. Ma nel primo tempo i fischi erano ingenerosi, la Lazio contro il Chievo era sotto ma in maniera immeritata, aveva fatto un grande primo tempo. I laziali ce l’hanno con Lotito, ma la squadra non c’entra niente. I giocatori vanno sostenuti, se qualcuno ti ha tolto la lazialità, significa che non ce l’hai mai avuta. La lazialità va sempre sostenuta. Il mondo Lazio è spappolato, ma bisogna far capire alla gente che un conto è Lotito e un conto è la Lazio, sono due cose distinte e separate. Il tifoso della Lazio si è imborghesito, non si va più allo stadio, si preferisce vederla a casa seduti in poltrona. Ma se la Curva è divisa a metà, non si può andare lo stesso a tifare la propria squadra del cuore? La reazione di Candreva era rivolta alla stampa per me, mentre quella di Keita era rivolta al pubblico. Bisevac mi piace molto, comanda la difesa, è un dominante. E’ un giocatore vero e mi sembra anche integro. E’ stato un bell’acquisto. A Tare suggerirei Paloschi piuttosto che Pavoletti. Stiamo foraggiando la Salernitana, ma questo lo trovo uno scandalo che soldi della Lazio vadano ad aiutare un’altra squadra. Vedo un presidente Lotito molto distratto e preoccupato da altre questioni”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy