L’OPINIONE – Liverani: “Lazio, Candreva trasformerà i fischi in applausi”

L’OPINIONE – Liverani: “Lazio, Candreva trasformerà i fischi in applausi”

L’OPINIONE – Liverani: “Lazio, Candreva trasformerà i fischi in applausi”

Liverani

La Lazio contro il Palermo cerca riscatto dopo la sconfitta nel derby, la terza consecutiva in campionato. Fabio Liverani, in diretta su Radio Incontro Olympia, commenta la sfida dell’Olimpico analizzando anche le difficoltà della squadra biancoceleste: “Per Ballardini il Palermo sarà una patata bollente, conosciamo Zamparini e quando lui decide con la convinzione di migliorare le cose inutile trovare o chiederci le motivazioni. Iachini ha portato la squadra dalla serie B alla serie A e ha fatto un’ottima stagione lo scorso anno, era molto amato dalla piazza. La Lazio viene da un periodo di involuzione, la sconfitta in un preliminare lascia grandi buchi, grandi problematiche. A livello fisico e soprattutto mentale e poi hanno inciso molto i troppi infortuni a giocatori determinanti. Due settimane di sosta dopo una sconfitta nel derby non sono semplici da gestire ma sono convinto che domenica la Lazio farà un’ottima gara. Le difficoltà della Lazio sono evidenti, io penso che le assenze per infortunio o per una condizione non brillante di Candreva, Klose, De Vrij e Biglia pesano troppo. Candreva è spesso criticato in questo periodo, non si può fare il paragone con le sue prestazioni in nazionale, sarebbe riduttivo. Perchè si passa da un ambiente che adesso è in grande difficoltà, la Lazio, alla nazionale dove c’è entusiasmo per una qualificazione, parliamo di un’amichevole e poi trovi un gruppo che ti aiuta e ti trasmette entusiasmo. A differenza del club dove respira un pò di inevitabile scollamento non arrivando i risultati. Sono convinto che saprà dare risposte sul campo, trasformando i fischi in applausi come già successo al suo arrivo quando superò una situazione molto complicata che io conosco benissimo, quando gli veniva rimproverato una presunta fede giallorossa. Il campo è sempre l’unica risposta possibile. Se tornerà a giocare sui suoi livelli, con l’intensità, la qualità e la determinazione che conosciamo ci metterà poco tempo a riportare tutti dalla sua parte. Oggi la squadra deve ripartire a piccoli passi, non si può tornare quelli dello scorso anno in una settimana. Anche a livello di comunicazione bisogna volare bassi, parlando di Europa League, poi risalire la classifica e poi piano piano riprendere il cammino. Pioli non può essere passato in poco tempo da eroe a rischio esonero. Ci vuole equilibrio, una società deve pensare all’esonero solo quando non ha più fiducia nel suo allenatore o quando è seriamente convinta che non sia più in grado di riprendere in mano la situazione, seguendo il lavoro quotidiano sul campo d’allenamento”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy