L’OPINIONE – Pulici: “Candreva peggiore in campo. Europa League un miraggio”

L’OPINIONE – Pulici: “Candreva peggiore in campo. Europa League un miraggio”

Felice Pulici commenta Frosinone-Lazio ai microfoni di CITTACELESTE FM

Pulici

ROMAFelice Pulici, ex giocatore e dirigente della Lazio, è intervenuto ai microfoni di CITTACELESTE FM, in onda dal lunedì al venerdì, dalle 17,30 alle 19,30, sugli 88,100 di Elle Radio e su CITTACELESTE TV, canale 669 del digitale terrestre: “Frosinone e Lazio hanno fatto molto poco. Avrebbero dovuto osare un po’ di più. Se metto in campo una squadra troppo prudente pensando a giovedì non va bene. Il Frosinone andava affrontato con giocatori rapidi per mettere in difficoltà la loro retroguardia. L’occasione più clamorosa, dopo quella di Milinkovic, è capitata sui piedi di Ciofani. Ci rimane l’amaro in bocca per la posizione in classifica, senza la vittoria ieri l’Europa League resta un miraggio. Il peggiore in campo è stato Candreva, non è possibile che su 32 cross, 31 finiscono in tribuna! Pioli è stato competente, ma quest’anno mi da la sensazione che sta soffrendo qualcosa, ma non capisco ancora cosa. Gli è sfuggita di mano la situazione, nel post partita ha fatto una dichiarazione di delusione. Lenzini è stata la seconda che ho conosciuto a Milano, dopo Maestrelli. Mi sono precipitato nell’albergo dove c’erano le trattative per altri giocatori, io ero già stato comprato dalla Lazio. L’incontro fu casuale, il Presidente mi guardava in modo particolare, forse ancora non mi conosceva. La colpa è anche nostra, si è parlato troppo poco dell’importanza di Umberto Lenzini. E’ stato il collante di tutta quella squadra. In casa mi tirava un rigore in una porta di due metri, si girava verso i giornalisti e faceva il segno di vittoria sicura”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy