L’OPINIONE – Rocchi: “Lazio, manca la mentalità da grande”

L’OPINIONE – Rocchi: “Lazio, manca la mentalità da grande”

Per analizzare la sconfitta di Bergamo, è intervenuto ai microfoni di Radio Olympia, Tommaso Rocchi

Rocchi, Tatabanya

ROMA – Per analizzare la sconfitta di Bergamo, è intervenuto ai microfoni di Radio Olympia, Tommaso Rocchi: “Non mi aspettavo la sconfitta di Bergamo, soprattutto dopo un grande primo tempo della Lazio, chiuso giustamente in vantaggio. Nella prima frazione di gioco, Pioli aveva ottenuto il meglio dai suoi ragazzi, che producevano un gioco corale, frizzante e brillante, con giocate efficaci frutto di triangolazioni e scambi che coinvolgevano gli esterni ben imbeccati dai centrocampisti centrali. La batteria dei trequartisti si muoveva in modo armonioso e sincronizzato, ripeto, tutto lasciava pensare alla vittoria. Il gol dell’1-1 ha spezzato questo incantesimo, a quel punto è mancata la qualità da grande squadra che ti doveva permettere prima di chiudere la gara, poi una volta subito il gol del pareggio, di gestirla diversamente, recuperando stimoli e lucidità. Il cambio Onazi-Klose? Alla Pioli. Il mister ha voluto dare un messaggio chiaro ai suoi, ovvero non abbassarsi troppo, anzi, cercare di andarla a vincere. A quel punto sono i giocatori in campo a doversi aiutare, è mancata l’esperienza per farlo. La classifica? Meno bella rispetto a qualche giorno fa, ma adesso è troppo presto per guardarla. Tuttavia, l’obiettivo deve essere quello di provare ad inserirsi fra le prime tre posizioni, la Lazio parte leggermente dietro, ma ha tutte le qualità e le possibilità per centrare il traguardo. Il Milan? Partita dura, si sta riprendendo seguendo gli ordini di Mihajlovic, ma all’Olimpico io dico Lazio…”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy