Lotito ammette: “Non vivo di soli numeri”

Lotito ammette: “Non vivo di soli numeri”

FORMELLO – Claudio Lotito, presidente della Lazio, hA risposto ai cornisti presenti a margine della presentazione dell’Academy: “Ho riscontrato un discorso di presente, ha delle svolte, sono cosciente che il tifoso è il 12 uomo in campo, poichè non vorrei essere interpretato come persona che vive solo di numeri. All’interno…

FORMELLOClaudio Lotito, presidente della Lazio, hA risposto ai cornisti presenti a margine della presentazione dell’Academy: “Ho riscontrato un discorso di presente, ha delle svolte, sono cosciente che il tifoso è il 12 uomo in campo, poichè non vorrei essere interpretato come persona che vive solo di numeri. All’interno della mia persona albergano sentimenti autentici, sono abituato a sentire critiche costruttive. L’unione fa la forza, l’Academy la proietterà in una dimensione internazionale. Sarà governata da un olandese che ha governato l’academy dell’Ajax. Voglio mettere i futuri giocatori per raggiungere doti tecniche ma nutrire lo spirito e forgiare il carattere, i giocatori devono avere imprinting Lazio, devono essere un punto di riferimento e una filosofia di vita, l’Academy insegni calcio per arrivare alla Primavera, oltre ad un assetto tattico e dovrà incarnare i valori dello sport. Sono stato a parlare due ore con questa persona dell’Academy, dipende da quello che inietti nella mente dei giocatori. Se sei una squadra che abbassa lo sguardo, dobbiamo avere l’rgoglio di appartenenza, dobbiamo vedere se la partita della legalità, la coerenza il rispetto delle regole. Che sono alla base dell’insegnamento della scuola. E’ una cosa pratica, mangeranno qui dormiranno qui, acquisiranno le metodiche calcistiche. Rapporto con i tifosi? E’ come un padre di famiglia, le persone non si rendono conto dei sacrifici che uno svolge. Io ho grande spirito di servizio, ci sono tante cose strumentali. Il problema vero, viceversa, un atteggiamento che sia all’insegna della trasparenza deve essere emozionale e passionale, la gente pensa che sarà un bravo custode dei valori. Non si avverte che Lotito non ha una parte di tenerezza, ho voluto aprire il mio stato d’animo, io non sono come appaio, oppure come mi vogliono far apparire. Sono una persona vera, non è facile realizzare quello che abbiamo avuto fino ad oggi. Mi pare che quello che sta accadendo è un piccolo miracolo. Voglio ricreare un clima di coesione, basata su scosse di affetto che devono intercorrere, che devono coincidere con la realizzazione dei fatti. Sorrido su queste cose, ho aperto Formello per far capire che tutte le mistificazioni che vengono fatte sono fuori luogo, in una società complessa come la Lazio, io non ci guadagno, creare utili di carattere professionale, ho fatto tutto nella massima trasparenza nelle parti correlate, che sono sempre messe in evidenza. C’erano dei servizi che hanno prodotto risultati non idonei, rispetto a quelli di oggi. Quei servizi già esistevano, da aziende con costi nettamente inferiori. Oggi state Formello, se pensate che 28 ettari possano essere sostenuti gratis non è così. Sono tutte mistificazioni che non trovano senso, con tutto il rispetto, parliamo di cifre ridicole e irrisorie, la vigilanza c’era, la mensa c’era. Nella Salernitana ci sono 11 giocatori della Lazio che vengono pagati dalla Salernitana, la Lazio incassa la pubblicità della Salernitana. Andate a vedere quanti giocatori sono pagati dall Lazio. La Lazio non paga nestipendi ne premi di valorizzazioni.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy