Mendicino: “Caicedo quest’anno può essere più utile”

Mendicino: “Caicedo quest’anno può essere più utile”

di redazionecittaceleste

ROMA – Queste le parole dell’ex biancoceleste Ettore Mendicino in esclusiva ai microfoni di Radiosei : “Per la Lazio  in questo momento contano i punti e i risultati, ma certe sconfitte pesano. Il derby conta di più di una qualsiasi gara di campionato. Così come la prestazione di Francoforte, perdere 4-1 ha un peso diverso rispetto ad una sconfitta di misura. Dopo 8 giornate però si è arrivati a vincere 6 partite, è presto per emettere giudizi definitivi”.

SU CAICEDO

“Io ero scettico già lo scorso anno, la Lazio ha fatto delle mosse di mercato strane, però ero curioso di vedere questo giocatore. Lo scorso anno ha fatto buone prestazioni, forse è mancato un po’ in zona gol ma non è facile giocare dietro ad uno come Immobile. Quest’anno potrebbe essere ancora più utile, visto che ci sono alcuni giocatori che possono vivere momenti non bellissimi”.

MENTALITA’

“Il calcio è strano, solo chi ci gioca può capire certi meccanismi. L’aspetto mentale però è fondamentale, perché ti permette di superare i momenti difficili, basti vedere come fanno Ronaldo e Messi, che sono dei campioni. Riconfermarsi è la cosa più difficile da fare nel calcio. Se parliamo di Luis Alberto e Milinkovic-Savic ci si aspettava che potessero risolvere il derby con una giocata e fare meglio nelle precedenti giornate. Risulta comunque da folli criticarli, l’ambiente deve essere con loro. Vanno stimolati e messi a loro agio. Così sono convinto che i risultati arriveranno, non è facile confermarsi ai livelli dell’anno precedente”.

LAZIO MIGLIORATA?

“Per me è una squadra più forte rispetto alla scorsa stagione, perché la continuità migliora. Correa è un valore aggiunto assoluto, ci sono tutte le carte in regola per fare bene. Qualcuno all’interno del gruppo potrebbe ancora risentire della Champions mancata lo scorso anno. Se uno si aspetta di vedersi in Champions e poi si ritrova ad inizio stagione a dover giocare nuovamente in Europa League alla prima difficoltà potrebbe calare. Potrebbe instaurarsi un meccanismo inconscio che ti scatta, anche se non credo che capiterà a questi elementi. Ad ogni modo bisogna ragionare riferendosi ad un arco di tempo più lungo rispetto ad 8 giornate. A gennaio si potrebbe iniziare a tirare le somme”.

CORSA CHAMPIONS

“Il livello della Serie A si alzato in maniera considerevole. Inter e Milan sono due squadre che hanno aggiunto tanto rispetto lo scorso anno. La concorrenza dunque è maggiore. I biancocelesti però possono partire avvantaggiati perché hanno una solidità frutto del fatto che a livello di gruppo si è cambiato poco”.

PROSSIMO IMPEGNO

“Il Parma è una piacevole sorpresa e sarà una gara insidiosa. La Lazio dovrà essere più cinica possibile così come fatto contro la Fiorentina. Bisognerà essere compatti e solidi. Rischiare il meno possibile e cercare i tre punti. Credo però che sarà una partita alla portata della Lazio”.

LUIS ALBERTO&CORREA

“Penso che da fuori sia sempre complicato dare giudizi. È difficile sapere cosa Inzaghi può vedere in allenamento e cosa può preferire il tecnico dal punto di vista tattico. Luis Alberto non si discute e Correa è un’ottima pedina. La soluzione la deve trovare l’allenatore per trovare la quadra. Luis Alberto sta vivendo un momento in cui deve riconfermarsi. Ma si tratta di un atleta dalle enormi qualità, forse ora in Serie A lo conoscono e questo rende le cose più difficili. Correa e Luis Alberto sono fortissimi e ne beneficerà Immobile a livello realizzativo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy