Nesta al posto di Simeone? L’ex capitano della Lazio: “Cholo deve cambiare aria”

Nesta al posto di Simeone? L’ex capitano della Lazio: “Cholo deve cambiare aria”

ROMA – Alessandro Nesta, accostato all’Atletico Madrid come successore di Simeone, ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di Bein Sports: “L’Atletico? Dico solo che Simeone ha bisogno di andare avanti. È stato all’Atletico Madrid per sei anni, è il momento giusto per un cambiamento. Ha fatto un lavoro incredibile ma credo sia giusto optare per una nuova sfida. Ho giocato insieme a lui. È un profilo speciale che vive di passioni. Ha sempre bisogno di emozioni e vive ogni giorno per fare del suo meglio. Ho parlato con Carlo Ancelotti e mi ha raccontato di quanto sia difficile allenare il Real Madrid. Non è semplice la squadra, non è semplice vivere la città. Pur avendo i migliori giocatori bisogna essere capaci di gestirli. C’è sempre pressione, c’è la ricerca della vittoria. Non puoi stare tranquillo. A Madrid poi ci sono tanti giornalisti e tutti parlano del Real ogni giorno”.

MIAMI – “Abbiamo fatto un buon lavoro fino ad ora, perdendo una sola gara contro i New York Cosmos. Stiamo giocando bene al calcio, ho una buona squadra e dobbiamo cercare di vincere il campionato. Come migliorare? Ogni gara è diversa. Contro Edmonton abbiamo mostrato delle qualità e ora abbiamo davanti il Puerto Rico, una sfida sicuramente diversa. Sono una squadra forte, corrono, sono aggressivi. Dobbiamo essere bravi a fronteggiarli su questo piano”. 

JUVENTUS – “Non è la migliore che ho visto. Basta guardare al passato quando c’erano giocatori come Zidane. Forse erano più forti allora. Penso però che abbiano grandi possibilità di vincere la Champions League. Hanno messo insieme una difesa forte e hanno davanti grandi giocatori. Dybala, Cuadrado e Higuain sono molti pericolosi”.

IL CASO MUNTARI – “Si tratta un problema che abbiamo in Italia dove gli Ultras hanno lealtà politica e alcuni sono fascisti con vecchie mentalità. In Italia siamo un po’ indietro. Forse questo comportamento esiste ancora anche in qualche parte degli Stati Uniti ma da noi ci sono regole. Sono dalla parte di Muntari che chiese anche di fermare il match vedendosi rispondere dall’arbitro di no. Bisogna fermare il gioco subito. Gli italiani parlano sempre del Papa, del Colosseo… invece dobbiamo guardare avanti. Siamo nel 2017”.

MESSI E RONALDO – “Saranno a questi livelli ancora per molti altri anni. Questa è la differenza tra un buon giocatore e due campioni come loro. Tra l’altro loro segnano quando è veramente importante e lasciano sempre il segno nei grandi match. Ogni volta. Le loro qualità sono figlie di Dio ma anche del lavoro. Alcuni calciatori lavorano tanto per migliorare e loro lo fanno ogni giorno. Non perdono mai tempo durante le sessioni di allenamento. Hanno una mentalità importante”. Simone Inzaghi intanto ha partecipato all’evento per Chiara Insidioso >>> CONTINUA A LEGGERE

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy