Pagliuca sul match-program dell’Aston Villa: “Quando lasciai l’Inter ricevetti offerte da Lazio, Maiorca, Depor e Aston Villa”.

Pagliuca sul match-program dell’Aston Villa: “Quando lasciai l’Inter ricevetti offerte da Lazio, Maiorca, Depor e Aston Villa”.

Poco diffuso in Italia, il “match program” in Inghilterra è da sempre un oggetto di culto: strumento irrinunciabile per ingannare il tempo allo stadio nei minuti precedenti la partita, pezzo da collezionare sugli scaffali della libreria di casa, a testimoniare la propria affezione per una certa squadra o semplicemente la…

Poco diffuso in Italia, il “match program” in Inghilterra è da sempre un oggetto di culto: strumento irrinunciabile per ingannare il tempo allo stadio nei minuti precedenti la partita, pezzo da collezionare sugli scaffali della libreria di casa, a testimoniare la propria affezione per una certa squadra o semplicemente la propria passione per il calcio. Succede allora che nel match program di Aston Villa-Hull City, partita dello scorso 3 maggio assai poco influente per la 37^ giornata di Premier League, compaia un’intervista esclusiva nientemeno che a Gianluca Pagliuca.

L’ex portierone della Nazionale vicecampione del mondo a USA’94 è infatti un grandissimo tifoso, oltre che del Bologna, anche dei Villans: “La mia passione per l’Aston Villa è nata nel 1981, l’anno in cui vinsero il campionato. Avevo 14 anni e ricordo che una Tv locale trasmetteva in differita le immagini del calcio inglese. Mi entusiasmai tantissimo nel seguire il testa a testa dell’Aston Villa con l’Ipswich Town nella corsa al titolo, anche se i risultati arrivavano in Italia qualche giorno dopo, certo non in tempo reale come oggi”.

La passione di Pagliuca per il club di Birmingham è profonda e viscerale, non solo per il gran numero di memorabilia che possiede a casa sua a Bologna: “Il mio giocatore preferito? Senza dubbio Tony Morley, decisivo in finale di Coppa dei Campioni contro il Bayern, ma anche Gary Shaw, Peter White e Dennis Mortimer” dice senza esitazioni, mostrandosi estremamente preparato sulla storia del club claret and blue.

Pagliuca si sofferma anche sulla partita che giocò da avversario al Villa Park, quando con l’Inter venne eliminato ai rigori dalla Coppa UEFA, e svela un retroscena: “Nel 1999 quando lasciai l’Inter ricevetti diverse offerte: Maiorca, Lazio, Deportivo La Coruna e proprio Aston Villa. Alla fine però scelsi il Bologna per restare nella mia città”. (Goal.com)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy