RIVIVI IL LIVE – Inzaghi: “18 punti? Ci mancano quelli con tre rigori inventati”

RIVIVI IL LIVE – Inzaghi: “18 punti? Ci mancano quelli con tre rigori inventati”

Queste le parole del tecnico biancoceleste alla vigilia della sfida contro il Sassuolo

ROMA – Queste le parole del tecnico biancoceleste, Simone Inzaghi, alla vigilia della sfida contro il Sassuolo: “E’ una partita importantissima in un momento particolare perché dobbiamo dare seguito agli ultimi risultati. Delle ultime tre partite è la più difficile perché abbiamo accumulato stanchezza”. E’ la gara della consacrazione: “Sì, perché precede Napoli. Noi dobbiamo però concentrarci unicamente sul Sassuolo, che ha qualche defezione ma gioca insieme da più di un anno. Dovremo cercare di prendere spunto dalla sfida dell’anno scorso, noi dovremo fare risultato”. Pericolosi gli attestati di stima a Inzaghi: “Sono un pungolo per continuare a far bene, adesso ci sono i consensi. Dovremo cercare di partire forte come contro il Cagliari”.

CONVINZIONE – Inzaghi ha convinto tutti: “Grazie al lavoro, ho cercato d’impostare questa cultura già ad Auronzo. E’ normale che conoscere quest’ambiente mi aiuta. Io sono pronto a tutto, a ricevere le critiche e i complimenti. Adesso è bello prendersi gli elogi, ma dovremo continuare così anche quando non ci saranno momenti positivi”. Riecco Milinkovic in campo, Parolo in regia: “Secondo me sia Marco che Cataldi possono starci. Anche Murgia all’occorrenza può farlo”. Malagò sta lavorando per eliminare le barriere: “Meno male perché noi abbiamo bisogno dei nostri tifosi. A Torino, Udine e Verona, i ragazzi hanno sentito tantissimo la loro vicinanza. Domenica vorremmo più gente allo stadio, io ci credo”.

INFERMERIA – Immobile ha recuperato dall’affaticamento: “Ciro ieri stava bene. Ma anche altri giocatori stanno giocando continuamente, come Patric. Vedremo chi starà meglio fra lui e Basta”. 18 punti in classifica: “E ci manca qualcosa, ma non bisogna guardare indietro. Se penso alle ultime due gare con Bologna e Torino, c’è grande rammarico. Ripenso anche alle partite con Milan e Juve, dove non avremmo dovuto perdere”. Ora avanti col Sassuolo: “Di Francesco è molto preparato e guida questa squadra da 4-5 anni. E’ una squadra organizzata che corre e attacca. Dovremo stare attenti e concentrarci al top. Siamo in un bel momento e vogliamo continuare”. Biglia in panchina: “Sta molto bene, vedremo il da farsi con lo staff medico”. Quattro rigori in 10 giornate contro: “Sono tanti e l’unico da fischiare era quello di Bastos col Pescara. Quello di Parolo a Torino non esisteva, col Cagliari l’intervento di Keita era fuori area. Quello di Radu col Milan mi lascia perplesso”.

Citaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy