Tare: “Serve che queste presenze allo stadio diventino un’abitudine. Siamo stati penalizzati, ma non ho mai parlato di malafede”.

Tare: “Serve che queste presenze allo stadio diventino un’abitudine. Siamo stati penalizzati, ma non ho mai parlato di malafede”.

di redazionecittaceleste

ROMA – A pochi minuti dal quarto di finale d’andata contro il Salisburgo, il direttore sportivo della Lazio Igli Tare ha parlato ai microfoni di Sky Sport. Ecco le sue dichiarazioni: “Questa cornice di pubblico deve diventare un’abitudine se vogliamo diventare veramente grandi. Un palcoscenico del genere serve sempre, sia in campionato quanto in Europa. Salisburgo? Si tratta di una squadra che gioca di gruppo, bene tra i reparti con pressing continuo e linee strette. Stasera dovremo essere attenti, mi piace molto Berisha, non perchè è albanese, ma lo seguo da qualche tempo. Mi piace anche Dabbur, è una squadra che va presa con rispetto”.

 

ARBITRI

“Le parole di Nicchi? Ho letto le dichiarazioni, prendo atto e aspetto il momento opportuno per avere un confronto sereno con lui e Rizzoli. Dobbiamo guardare avanti, ma penso che la Lazio non è una vittima, nemmeno loro. È successo qualcosa di cui va discusso, non ho parlato di malafede, ma non si sa il limite con l’errore umano. Ci sono stati degli episodi che ci hanno penalizzato, se l’hanno preso come offesa mi dispiace. Attendo un confronto per affrontare la vicenda”.

 

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

LE FORMAZIONI UFFICIALI

SEGUI QUI LA DIRETTA!

Seguici anche su Facebook!

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy