VERGOGNA POLACCA – Angelilli:”L’UE deve fare chiarezza”

VERGOGNA POLACCA – Angelilli:”L’UE deve fare chiarezza”

ROMA – Roberta Angelilli, vice presidentessa del Parlamento Europeo, ha presentato subito una interrogazione parlamentare alla Commisione Europea per fare luce sui fatti di Varsavia. “Questa vicenda, a distanza di giorni – osserva Angelilli in una nota sul corrieredellosport.it – presenta ancora diverse zone d’ombra, su cui è doveroso fare…

ROMA – Roberta Angelilli, vice presidentessa del Parlamento Europeo, ha presentato subito una interrogazione parlamentare alla Commisione Europea per fare luce sui fatti di Varsavia.

Questa vicenda, a distanza di giorni – osserva Angelilli in una nota sul corrieredellosport.it  presenta ancora diverse zone d’ombra, su cui è doveroso fare piena luce al fine di accertare che non siano stati lesi idiritti fondamentali dei nostri connazionali all’estero. Molti episodi legati al fermo e al rinvio a giudizio dei cittadini italiani risultano poco chiari e connotati da evidenti abusi e atteggiamenti sproporzionati da parte delle autorità della Polonia”“Vi sono aspetti da chiarire – continua la vicepresidente del Pe – sia sul fronte delle modalità che delle motivazioni di questa ‘azione preventivà da parte delle Autorità polacche. In queste ore, infatti, sto continuando a ricevere segnalazioni di diversi casi di cittadini italiani che sarebbero stati coinvolti in gravi episodi, subendo maltrattamenti, rispetto ai quali si devono delle spiegazioni all’Italia e all’Europa”“Ho chiesto pertanto alla Commissione e al Consiglio – conclude Angelilli – di fare piena luce sul comportamento delle autorità di polizia e giudiziarie della Polonia e accertare se siano stati rispettati, per i nostri connazionali, tutti i diritti alla difesa e a un processo equo come sancito dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea e dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo.”

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy