Zarate prima del derby: “Non è una gara come le altre”

Zarate prima del derby: “Non è una gara come le altre”

ROMA – Oggi è il giorno del derby. La Gazzetta dello Sport, ha intervistato uno che nella stracittadina, ha realizzato forse il gol più bello della sua storia alla Lazio. Mauro Zarate, si è confessato ai microfoni della rosea. Di seguito, la sua intervista. «Sono sereno, questa è casa mia».…

ROMA – Oggi è il giorno del derby. La Gazzetta dello Sport, ha intervistato uno che nella stracittadina, ha realizzato forse il gol più bello della sua storia alla Lazio. Mauro Zarate, si è confessato ai microfoni della rosea. Di seguito, la sua intervista.

«Sono sereno, questa è casa mia». Al Velez è davvero così per Mauro Zarate, nella pace della Villa Olimpica, il centro alle porte di Buenos Aires. «Sto bene, fisicamente e psicologicamente. E poi qui gioco con continuità».

Oggi c’è il derby, ricorda?
«Certo, uno spettacolo. Ricordo i tifosi e un massaggiatore, Federico: mi diceva tutto il tempo “c’è il derby, c’è il derby” e mi caricava. Quando si vinceva ero felicissimo anche per lui. Non è una gara come le altre, quando non vincemmo 5 derby consecutivi fu dura. Ho vissuto anche il derby di Milano, ma a Roma è un’ altra cosa».

La Roma insidierà la Juventus fino alla fine?
«I giallorossi mi hanno sorpreso, non avrei mai creduto in un campionato del genere. Le 10 vittorie consecutive sono state incredibili, ma la Juve ha ancora qualcosa in più».

Totti un giorno può raggiungere davvero Piola?
«Non lo so, ma sembra intramontabile, si sta gestendo molto bene. Il problema viene quando hai voglia di giocare e devi riposare».

Cosa le rimane del rapporto con la tifoseria della Lazio?
«Ho un ricordo bellissimo, il problema è stato con il presidente. Lotito ha raccontato una volta una cosa, una volta un’altra. Tornato dall’Inter volevo rimanere, in ritiro stavo bene, lui se ne era reso conto, parlandomi. Poi però ha deciso di vendermi e io gli ho detto: “Non c’è problema, ma vado dove voglio io, non dove dici tu: Turchia, Russia, Ucraina”. Lui la prese male, non so perché, ma io ho il diritto di decidere dove andare. Per 6 mesi non mi ha fatto giocare, solo 3 gare. Alla fine non sopportavo più la situazione e accettai la Dinamo Kiev, con cui trovai l’accordo in 5 minuti. Ma Lotito fece saltare tutto, chiedendo più soldi».

Con Reja sembra un’altra Lazio rispetto a Petkovic. Solo una questione tecnica o c’erano problemi nello spogliatoio?
«La mano di Reja si vede: ha riordinato la squadra, ora è più attenta alla difesa. Problemi? Non lo so. Di certo, quando c’ero io ce n’erano sempre. Si era data troppa importanza ad una persona che non era capace di fare il suo lavoro».

A chi si riferisce?
«No, meglio non dirlo. Però si sa… (e sorride)». (Gazzetta dello Sport)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy