Anelka alla Lazio? La comunità ebraica protesta: «Non ingaggiate un antisemita»

Anelka alla Lazio? La comunità ebraica protesta: «Non ingaggiate un antisemita»

ROMA – Il suo arrivo alla corte di Lotito ancora non è affatto certo, ma solo l’idea di poter vedere Anelka con la maglia biancoazzurra scatena le polemiche della comunità ebraica romana e non solo. Il giocatore francese del West Bromwich Albion, infatti, nelle scorse settimane durante un’esultanza aveva mimato…

ROMA – Il suo arrivo alla corte di Lotito ancora non è affatto certo, ma solo l’idea di poter vedere Anelka con la maglia biancoazzurra scatena le polemiche della comunità ebraica romana e non solo. Il giocatore francese del West Bromwich Albion, infatti, nelle scorse settimane durante un’esultanza aveva mimato la «quenelle», il saluto del comico antisemita Dieudonné. Un gesto che gli è costato una squalifica per cinque turni. A difenderlo era stato lo stesso comico: «Nicolas Anelka ha tutta la mia solidarietà, è evidente – le parole di Dieudonnè -. Lo considero come un fratello per l”umanità. È una persona molto coraggiosa della quale ho molto rispetto e ammirazione. Anelka è un discendente di schiavi e se vuole ricordare la sua storia ha tutto il diritto di farlo. E noi tutti siamo orgogliosi che lo faccia».

 

«L”accostamento Lazio – Anelka è un”offesa al calcio italiano. Il solo averci pensato è un”offesa ai tifosi ebrei laziali», scrive su Twitter Vittorio Pavoncello, presidente del Maccabi Italia. Polemiche che arrivano anche nel consiglio comunale di Roma: «Da romano e da sportivo mi chiedo seriamente se per innalzare le prestazioni sportive e migliorare l”immagine a livello nazionale e internazionale della squadra – dice Luca Giansanti, consigliere comunale della Lista Marino – è necessario l”arrivo di un giocatore che ha fatto parlare ultimamente di sé solo per meriti extracalcistici». (Ilmessaggero.it)

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy