C’è una Lazio in partenza. Anche Cana in bilico?

C’è una Lazio in partenza. Anche Cana in bilico?

ROMA – Il Corriere dello Sport oggi in edicola fa il punto della situazione, non solo sul mercato in entrata ma anche su quello in uscita. Si parte da Federico Marchetti: che ne sarà di lui? Ha vissuto una stagione da incubo, è finita malissimo e in anticipo. Il suo…

ROMA – Il Corriere dello Sport oggi in edicola fa il punto della situazione, non solo sul mercato in entrata ma anche su quello in uscita. Si parte da Federico Marchetti: che ne sarà di lui? Ha vissuto una stagione da incubo, è finita malissimo e in anticipo. Il suo caso sarà analizzato a breve, ci sarà un incontro col manager Bozzo, sarà presa una decisione. Marchetti s’è deprezzato, ha perso il valore raggiunto un anno fa, ma certi estimatori esistono. Lotito, quando i tempi erano belli, aveva fissato in 15 milioni il prezzo del cartellino. Oggi partirebbe da 10 milioni e proverebbe a tenere duro sperando di far colpo. Non è facile, il mercato dei portieri si sviluppa spesso a cifre più basse. Un Marchetti recuperato, nuovo di zecca, farebbe le fortune di qualsiasi acquirente, su questo vorrebbe far leva la Lazio.

 

 

Dalla porta alla difesa: in partenza c’è Dias, rientrerà in Brasile, il suo addio non porterà soldi nelle casse biancocelesti, avverrà a parametro zero. Sono tre i difensori che possono generare un incasso, si tratta di Cavanda, Cana e Ciani. Il primo ha compromesso definitivamente il rapporto con la società presentandosi in ritardo ad un allenamento della scorsa settimana. Cavanda ha mercato in Inghilterra e Francia, il suo manager sta lavorando per piazzarlo all’estero, vale circa 3 milioni di euro (massimo 4 milioni). E’ da definire la posizione di Lorik Cana, a fine marzo parlò del futuro senza dare certezze: «A fine anno mi siederò con Reja e con la società, sulla scelta influirà anche il discorso tecnico. Ho ancora due anni di contratto, mi piacerebbe andare sino in fondo. Tutti insieme troveremo la soluzione migliore». Reja non ha mai considerato Cana in versione centrocampista, l’ha utilizzato da difensore centrale solo in caso di emergenza, quando Biava e Dias erano out. Cana oggi si sente difensore, vuole capire se il tecnico è dello stesso avviso, se lo riterrà tra i confermati. Cana è corteggiato da club francesi (l’Olympique Marsiglia lo riabbraccerebbe con gioia), può valere 4 milioni di euro. Da Cana a Ciani, il centrale francese è in scadenza nel 2015, il suo addio è vicino, il cartellino ha un valore di 1,5-2 milioni di euro. In partenza potrebbe esserci anche Pereirinha, ma è difficile ipotizzare una cessione capace di portare soldi in cassa. Andranno via Postiga e Kakuta, sono arrivati in prestito, rientreranno nelle squadre di appartenenza (Valencia e Chelsea).

Cittaceleste.it / Corriere dello Sport

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy