CHE BOMBA / Lotito è stanco di Candreva, Pioli pure. La Lazio è pronta a sacrificarlo: destinazione Barça

CHE BOMBA / Lotito è stanco di Candreva, Pioli pure. La Lazio è pronta a sacrificarlo: destinazione Barça

Alla Lazio quaranta milioni

Candreva

ROMA – Stavolta può davvero andar via. Lotito è stanco di Candreva, Pioli pure. Dice di tenere alla Lazio, non lo dimostra. Dice di voler restare, ha la testa altrove. Dice d’essere un leader, è rinnegato dal gruppo. Un tempo Antonio, con gol e assist, riusciva a far tollerare i suoi atteggiamenti da primadonna. Oggi no. Per questo – assicura Il Messaggero oggi in edicola – la Lazio è pronta a sacrificarlo, subito o in estate. Braida ha marcato stretto l’Olimpico ultimamente. È arrivato fino a Reggio Emilia. Non per Felipe, ma per Candreva. Trattativa segreta col Barcellona per una cessione, il Chelsea forse è in ritardo. Alla Lazio quaranta milioni e, nonostante Candreva abbia dato tanto, passa subito ogni rimpianto.

FASCIA MALEDETTA – Dopo quattro mesi, torna lo spettro della fascia della discordia. La decisione sul nuovo capitano biancoceleste, tormentone del ritiro di Auronzo, aveva fatto emergere le prime crepe dello spogliatoio. Adesso sono voragini, sopratutto nel morale d’Antonio. Lotito e Tare gli avevano promesso di farne una bandiera in sede di rinnovo due estati fa. E in ritiro Pioli aveva rispettato il diktat societario. Poi il dietrofront su Biglia. Una mossa presidenziale ma anche un volere dello spogliatoio. Perché? La faccia e l’autorità “debole” di Antonio alla presentazione al Palaroller lo spiegano. Lui sul palco suggeriva coro per Mauri e Ledesma, ma solo Marchetti rispondeva all’iniziativa.

EMARGINATO DAL GRUPPO – La sera dopo non c’era alla cena della squadra, per il riacutizzarsi di uno stato febbrile. Ma l’eco di un coro lo raggiungeva sin dentro la stanza dell’hotel Auronzo: «Un capitano, c’è solo un capitano». Un motivetto intonato dai compagni a favore di Radu. Prima della Supercoppa, Candreva s’era rifiutato di prendersi i gradi di vice, salvo poi chiarire la questione con Pioli. Insomma lo spogliatoio non è mai stato stretto intorno a Candreva. E men che mai lo è ora: qualche settimana fa, dopo il ko di Bergamo, sul suo egoismo mugugnavano i compagni. L’esplosione di Anderson un duro colpo al suo ego. I due non si amano e in campo si vede. Antonio ultimamente s’illumina solo d’azzurro. Con la Nazionale 4 gare e 3 assist. In biancoceleste invece una prestazione peggio dell’altra. Persino nella trasferta “castigo” della Norvegia, mentre il resto dei big riposavano a Roma. Sembra quasi incredibile che Candreva, il centrocampista biancoceleste del record (12 centri), sia ancora a digiuno in campionato, fermo a un “misero” assist alla prima col Bologna. Sempre più fratello d’Italia e sempre meno figlio della Lazio. E ora, nonostante sia legato a Roma da motivi familiari, rischia di parlare pure spagnolo.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy