E’ SEMPRE MERCATO – Ds Empoli: “Ho provato due volte a prendere Cataldi”

E’ SEMPRE MERCATO – Ds Empoli: “Ho provato due volte a prendere Cataldi”

La confessione, ai microfoni di TuttoSport

Cataldi

10 SETTEMBRE, AGGIORNAMENTO ORE 15.31 – Il direttore sportivo dell’Empoli Marcello Carli ha parlato a Tuttosport svelando un particolare retroscena su Danilo Cataldi: “Io sono sempre stato innamorato di Cataldi – ha detto – l’anno scorso ho cercato di prenderlo sia in estate che a gennaio”. Senza – evidentemente – riuscirci.

ROMA – Chissà se l’Under 21 e la convincente vittoria sulla Slovenia serviranno a Danilo Cataldi per ritrovare se stesso e alla Lazio per riavere in squadra il ragazzo che aveva lanciato la scorsa stagione, imponendolo come una delle realtà più belle del campionato. Anche perchè dall’inizio della nuova, né Pioli, né i tifosi biancocelesti, sono ancora riusciti a rivedere il centrocampista protagonista della lunga cavalcata che ha portato la Lazio a conquistare i preliminari di Champions League soltanto qualche mese fa.

Proprio per questo, alla fine di maggio, appena archiviata la stagione, si era parlato di un imminente rinnovo del contratto per Cataldi. Non tanto per la durata, perchè è legato alla società fino al 30 giugno 2018, quanto per un adeguamento economico che lo facesse passare dagli standard dei contratti per i debuttanti in prima squadra, a quelli che invece sono i contratti base per i giocatori “affermati”, step stabiliti dal presidente Lotito affinchè non vengano creati squilibri all’interno dello spogliatoio.

Un ritocco meritato – riporta il giornalista di Sky Manuele Baiocchini per Goal.com – per quanto fatto vedere lo scorso anno e promesso dopo la fine del calciomercato, ma la situazione ad oggi è rimasta uguale a quella di qualche mese fa e il contratto non è ancora stato ridiscusso. Nonostante in estate, siano arrivate a Formello dimostrazioni di interesse molto importanti per il ragazzo. Il Napoli e il presidente De Laurentiis su tutti, erano disposti a mettere 15 milioni di euro sul piatto della bilancia per convincere la Lazio a cedere il suo gioiellino.

Non sono bastati. Cataldi per il club è un incedibile, ma allora perchè questo ritardo nel blindarlo? Probabilmente, complice l’inizio di stagione indubbiamente negativo, la Lazio vuole aspettare. Non perchè non voglia rinnovare quel contratto, ma perchè vuole considerare quel rinnovo un premio meritato sul campo. Vuole avere la certezza che il centrocampista classe ’94 non si sia adagiato dopo la stagione dell’esplosione.

Ha avuto un precampionato complicato. A causa degli impegni con l’Under21, è arrivato in ritiro più tardi rispetto al resto dei compagni e soltanto qualche giorno prima della finale di Supercoppa contro la Juventus. Poi ha iniziato a girare come una trottola. Dalla Cina, agli impegni del preliminare di Champions League, all’inizio del campionato e alla nuova chiamata con la nazionale under21. Ha sofferto i ritmi della sua prima stagione in carriera con un impegno ogni tre giorni e non è ancora riuscito ad ingranare la marcia giusta.

Fisiologico per un giocatore che ha appena compiuto 21 anni, ma il fatto che la gente e la Lazio si aspettino molto da lui, crea delle aspettative che aumentano le responsabilità e l’ansia di dover tornare subito sui livelli della scorsa stagione. E Cataldi questo lo sa. Ora la Lazio, a partire dal direttore sportivo Tare e dall’allenatore Pioli, si aspettano una prova di maturità.

Il resto verrà da se. Il nuovo contratto, che comunque è lì ad aspettarlo, arriverà in maniera naturale. Basta superare questo momento di stanchezza mentale, perchè è ciò che sta succedendo a Cataldi, nulla più. Lo ha capito la Lazio, visto che Pioli l’ha tenuto fuori più di una volta anche in emergenza a centrocampo. Ne è consapevole il suo agente Alessandro Beltrami che lo segue ogni giorno. Insieme proveranno ad aiutarlo, a coccolarlo per farlo sentire importante.

Si vedranno tutti a Formello intorno alla metà di settembre. Dirigenza, procuratore e calciatore. Non tanto per parlare degli aspetti economici, quanto per fargli sentire la fiducia nei suoi confronti. Rientrerà oggi alla base dopo l’under21, tornerà nel pomeriggio ad allenarsi con la squadra. La società spera di poterlo ritrovare nelle migliori condizioni. C’è l’Udinese alle porte, un nuovo esame per la Lazio ferita dalla terribile batosta di Verona. Pioli ha chiesto una reazione. Da parte di tutti, anche da parte di Cataldi.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy