Hernanes porta Castellazzi in biancoceleste?

Hernanes porta Castellazzi in biancoceleste?

ROMA – L’infortunio muscolare e la gastroenterite. Federico Marchetti non è ancora al top, si sta allenando bene da un paio di giorni, ha bisogno di recuperare il massimo dell’esplosività. E il rischio di una probabile squalifica di Etrit Berisha suggerisce prudenza. Questo è il motivo per cui la Lazio…

ROMA – L’infortunio muscolare e la gastroenterite. Federico Marchetti non è ancora al top, si sta allenando bene da un paio di giorni, ha bisogno di recuperare il massimo dell’esplosività. E il rischio di una probabile squalifica di Etrit Berisha suggerisce prudenza. Questo è il motivo per cui la Lazio si è messa alla ricerca di un terzo portiere e Reja sta riflettendo sull’opportunità di confermare l’albanese tra i pali anche domenica a Verona. Se proprio la Fifa dovesse fermare Berisha, costringendolo a uno stop di tre mesi, allora meglio sfruttarne la forma sino all’ultimo e concedere a Marchetti la possibilità di allenarsi bene, allontanando l’ipotesi di quegli infortuni muscolari che spesso lo hanno penalizzato in passato. L’albanese, considerato titolare in Coppa Italia, potrebbe giocare dal primo minuto anche a Verona. Una sfida dal sapore speciale, forse anche troppo delicata, perché si troverebbe di fronte al Chievo, lo stesso club a cui si era promesso alla fine di giugno (ma ha sempre dichiarato di essere stato raggirato) e che lo ha denunciato alla Fifa. Il tecnico friulano prenderà una decisione definitiva domani, nel giorno di vigilia. Di sicuro Federico Marchetti è il numero uno della Lazio e presto tornerà al suo posto: se non dovesse accadere al Bentegodi, certamente succederà nel derby del 9 febbraio con la Roma.

 

TERZO – Oggi, però, si chiude il mercato e la Lazio entro le 23 proverà a tesserare un terzo portiere per garantirsi nel caso in cui, entro la prima metà di febbraio, dovesse arrivare la squalifica di Berisha. Sono sfumate diverse candidature. La società biancoceleste aveva provato a prendere Mariano Andujar, bloccato dal Catania. Non s’è mai avvicinata a Gabriel, il brasiliano del Milan, e non si è interessata a Marco Amelia, ex romanista. La pista principale porta a Luca Castellazzi, classe ‘75, terzo dell’Inter. Una candidatura resa possibile dalla trattativa con Thohir legata a Hernanes. E’ in scadenza di contratto, ha quasi 39 anni e una grandissima esperienza. Un’altra ipotesi, decisamente più complicata, porterebbe al brasiliano Rubinho, 31 anni, terzo della Juventus, in scadenza di contratto a giugno. Si vedrà. Sono le ultime ore per dare una copertura in più tra i pali dietro a Marchetti e Berisha.

 

RIENTRI – Dal mercato al campo. Questa mattina, quasi certamente senza Hernanes, alle 11 riprenderà la preparazione a Formello. E Reja entrerà nelle manovre di avvicinamento al Chievo. Dal San Paolo è uscito con il nuovo infortunio di Konko, costretto a chiedere il cambio per il solito polpaccio dolorante. E’ considerato in dubbio. Diciamo più no che sì. Domenica a Verona il francese non giocherà. Toccherà ancora a Cavanda. Almeno Andrè Dias dovrebbe riuscire a recuperare. E Reja potrà contare dal primo minuto su Radu e su Klose. Il tedesco, smaltita l’influenza, ieri si è allenato regolarmente a Formello. Reja andrà avanti e anche di fronte al Chievo presenterà la Lazio con il 3-4-2-1. Biava, Dias (o Cana) e Radu nel reparto arretrato. Possibile un turno di riposo a Ledesma. Rientrerà Biglia dal primo minuto, verrà affiancato da Gonzalez o da Onazi. Cavanda e Lulic presidieranno le corsie esterne. Tornerà anche Candreva nel blocco dei titolari e quasi certamente verrà affiancato da Keita, favorito su Felipe Anderson e Perea. Klose si muoverà nel ruolo di centravanti. Reja spera di poter portare a Verona anche il neo-acquisto Helder Postiga. (Corriere dello Sport)
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy