Il Messaggero: “Lazio, mani su Kranevitter del River centrocampista centrale classe ’93”

Il Messaggero: “Lazio, mani su Kranevitter del River centrocampista centrale classe ’93”

Attesa tattica per Astori e Parolo, mentre dall’Argentina spunta Matias Kranevitter del River Plate. Senza ancora un allenatore, la Lazio si muove frenetica sul mercato con l’intenzione di portare avanti più operazioni possibili. Se non è una rivoluzione, poco ci manca. Dopo il riscatto di Candreva e gli ingaggi di…

Attesa tattica per Astori e Parolo, mentre dall’Argentina spunta Matias Kranevitter del River Plate. Senza ancora un allenatore, la Lazio si muove frenetica sul mercato con l’intenzione di portare avanti più operazioni possibili. Se non è una rivoluzione, poco ci manca. Dopo il riscatto di Candreva e gli ingaggi di Djordjevic e Basta, Lotito non si ferma anzi tratta su più tavoli, cercando in alcuni casi di limare differenze e in altri di anticipare le mosse.

 

IL BEHRAMI ARGENTINO – E’ il caso di Claudio Matias Kranevitter, classe ’93, centrocampista tuttofare del River. Il giovanotto è sui taccuini di diverse squadre europee, soprattutto in Inghilterra, mentre in Italia è seguito pure da Napoli, Fiorentina e Torino. Non uno sconosciuto, insomma. E’ cresciuto nel vivaio della squadra più titolata d’Argentina e al Monumental è diventato un idolo, a maggior ragione dopo la conquista del titolo avvenuta qualche settimana fa. Da quelle parti è soprannominato il “ragazzo-vecchio” per il suo carisma e per la sua maturità, nonostante la giovane età. Ha esordito in prima squadra nel 2012 con Almeyda e da quel momento non è più uscito di squadra, diventando uno dei pupilli di Ramon Diaz. E’ un centrocampista centrale, non è altissimo, 1,78 cm, ma ha temperamento, ottima tecnica e velocità di gambe che garantiscono il cambio di passo. Ha perfino sfiorato la convocazione in Brasile con la Seleccion, ma alla fine Sabella ci ha ripensato. «Il tempo è dalla sua parte», le frasi dell’allenatore. Di lui ha parlato poco tempo fa un certo Mascherano: «Chi mi ha impressionato quest’anno? Kranevitter, che carattere e che gran voglia di imporsi». Il suo costo non è proibitivo, circa 5-6 milioni di euro, anche per i problemi finanziari del club. La Lazio lo sta studiando e, considerate le sue caratteristiche. E’ extracomunitario, ma ha già avviato le pratiche per il passaporto. I discorsi ben avviati con Parma e Cagliari sono ad una svolta decisiva. Per Parolo, Lotito e Ghirardi hanno avuto un contatto nella giornata di ieri. Il patron ha sollecitato il collega ad una risposta a breve: 5,5 milioni di euro più 1,4 di bonus, mentre per il giocatore (che sta spingendo parecchio) è pronto un contratto da 1,3 milioni a stagione più i premi. Discorso simile per Astori, anche se il Cagliari nicchia e spinge per avere uno tra Cataldi (impossibile), Tounkara e Antic. La Lazio riflette. Tutt’altro che assopito l’affare con il Feyenoord per de Vrij. Gli olandesi vorrebbe aspettare, mentre i biancocelesti sono in pressing costante per chiudere. (Ilmnessaggero.it)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy