Come cambia l’attacco: ciao Keita e Filip, tutto su Pavoletti

Come cambia l’attacco: ciao Keita e Filip, tutto su Pavoletti

Pavoletti è il primo nome sulla lista di Tare, per regalare ad Inzaghi il prototipo di centravanti che manca…

di Simone Cesarei

ROMA- Non è cominciata con il piede giusto l’estate della Lazio. L’imminente cessione di Biglia e la querelle Keita hanno gettato nello sconforto i tifosi, che presto potrebbero salutare anche De Vrij, e nella confusione la dirigenza, costretta a veder partire tre leader della scorsa stagione. Mentre per il difensore olandese si coltivano le ultime, seppur flebili, speranze di rinnovo, sono ormai sicure le partenze del regista argentino, in direzione Milan, e del senegalese, indeciso tra i rossoneri, che hanno trovato l’intesa con Lotito, e la Juventus. Con la partenza di Keita urge un intervento deciso sul mercato degli attaccanti per non perdere quella vena realizzativa fin qui garantita dai 16 gol stagionali messi a segno dal senegalese. Sono molti i profili valutati dalla dirigenza biancoceleste, ma l’intenzione, espressa esplicitamente da Inzaghi, è quella di trovare un giocatore con caratteristiche diverse da quelle già presenti in rosa: un bomber d’area di rigore, un finalizzatore spietato che possa giocare in coppia con Immobile e all’occorrenza sostituirlo a dovere. Non è un caso dunque che in queste ore stia tornando in auge il nome di Leonardo Pavoletti, infelice attaccante di proprietà del Napoli. Dopo appena sei mesi all’ombra del Vesuvio infatti, l’ex Genoa potrebbe decidere di cambiare aria, complice l’esplosione di Mertens e il ritorno dall’infortunio di Milik. Sono molte le squadre che si stanno muovendo per il centravanti italiano, ma la Lazio sembra aver già trovato una base di accordo con il giocatore, nonostante le smentite di rito da parte dell’agente. Sicuramente c’è stato un primo contatto esplorativo che ha trovato il benestare del calciatore, allettato dalla prospettiva di giocare la prossima Europa League e lottare per la Champions.

SOLUZIONI

Pavoletti-Napoli

L’arrivo di Pavoletti aprirebbe la strada a nuove soluzioni da parte di Inzaghi, sempre più deciso a creare una Lazio tatticamente camaleontica. Il modulo di partenza del prossimo anno dovrebbe essere quel 3-5-2 più volte utilizzato con successo dal tecnico biancoceleste. Con Felipe Anderson che molto probabilmente occuperà il ruolo di esterno a tutta fascia, la coppia d’attacco Immobile-Pavoletti permetterebbe al bomber napoletano di svariare su tutto il fronte d’attacco con una libertà maggiore rispetto allo scorso anno, un po come accade in Nazionale dove gira intorno a Belotti fino a trovare lo spazio per l’inserimento decisivo, potendo sempre contare sulla presenza in area di rigore del compagno. Il classico rapace d’area di rigore è quello che manca all’attacco della Lazio, fin troppo mobile e lezioso e che manca spesso di cattiveria sotto porta. Il profilo di Pavoletti corrisponde perfettamente all’identikit tracciato da Inzaghi che potrebbe cosi utilizzarlo non solo come vice Immobile, data la partenza certa di Djordjevic, ma soprattutto in coppia con il bomber di Torre Annunziata, in modo da creare un duo dinamico e letale che, poco ma sicuro, non farà dormire sonni tranquilli alle difese avversarie.

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy