Keita, dolorino sospetto e tanta voglia di Monaco

Keita, dolorino sospetto e tanta voglia di Monaco

I medici assicurano non abbia nulla al ginocchio, qualcuno azzarda che voglia preservarsi prima di partire

ROMA – Alla fine potrebbe non essere nulla, ma a pensar male a volte ci si azzecca, soprattutto se ci sono precedenti recenti. Anzi recentissimi. E nel caso di Keita Balde Diao nell’ultimo mese e mezzo la lista non è sicuramente corta. Che il giocatore non abbia mai nascosto la voglia di lasciare la capitale, è abbastanza assodato e, considerando tutto quello che è successo nel mese di luglio e in parte d’agosto, qualche sospetto su quanto avvenuto ieri, sul dolore al ginocchio e sui controlli improvvisi in Paideia, come potrebbe non esserci. Per Keita, che fino all’ultimo spera di essere ceduto, potrebbe essere l’ultima occasione. In ballo c’è qualcosa con il Monaco e non solo, e non sarebbe né il primo, né l’ultimo giocatore a tirarsi indietro per non rischiare. Sarà allarme vero o una strategia? Se per il senegalese ci sarà qualche problema, il successore è il giovane Oikonomidis, oppure Inzaghi potrebbe pensare di spostare Immobile sull’esterno e dar fiducia a Djordjevic come centravanti.

CHI SALE CHI SCENDE – Si allontana la possibilità di vedere Balotelli con la maglia della Lazio. Nonostante gli sforzi di Raiola, la scintilla non è scattata, soprattutto per il rischio economico-finanziario. Il Liverpool vuole pagare solo metà stipendio e questo con qualsiasi squadra, mentre Balo, da due giorni a Roma, non accetterebbe le clausole comportamentali che vorrebbe inserire Lotito. Ieri, inoltre, si era sparsa la voce che il direttore sportivo Tare fosse in Inghilterra, ma in realtà non si muove da Formello da parecchi giorni. Da Monaco, intanto, si avvicina sempre più Dirar. La possibilità di inserire Keita sono ancora alte, ma i due club non hanno ancora trovato la soluzione migliore. Si lavora su questa strada, ma gli ostacoli non mancano. Per questo da Formello stanno lavorando su un’altra pista che porta sempre a Rennes – scrive ilMessaggero – ma si tratta di Grosicki, ala destrao/sinistra, dell’88 ed ha un costo di 6/8 milioni di euro. La concorrenza però è agguerrita. Altro tavolo è riservato a Cerci. L’ex di Milan e Genoa, nonché di Torino e Roma, sarebbe l’alternativa nel caso in cui Keita lasciasse la capitale: CONTINUA A LEGGERE

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy