• SUL CAN. 669 DELLA TUA TELEVISIONE TROVI CITTACELESTE TV - 24 ORE AL GIORNO, IN DIRETTA, PER PARLARTI DI LAZIO!

La Lazio studia Sergio Sanchez

La Lazio studia Sergio Sanchez

ROMA – La Lazio studia Sergio Sanchez, difensore centrale del Malaga. C’è anche lo spagnolo tra i potenziali obiettivi per rinforzare il reparto arretrato e sta entrando in corsa con l’austriaco Martin Hinteregger (Red Bull Salisburgo) e il brasiliano Humberto Rever (Atletico Mineiro), le cui candidature erano già emerse da…

di redazionecittaceleste

ROMA – La Lazio studia Sergio Sanchez, difensore centrale del Malaga. C’è anche lo spagnolo tra i potenziali obiettivi per rinforzare il reparto arretrato e sta entrando in corsa con l’austriaco Martin Hinteregger (Red Bull Salisburgo) e il brasiliano Humberto Rever (Atletico Mineiro), le cui candidature erano già emerse da qualche settimana. Ha un profilo tecnico diverso e caratteristiche simili (sulla carta) a Biava: rapidità, senso dell’anticipo, attenzione in marcatura. Si muove sul centro-destra, all’occorrenza può essere impiegato da terzino. Hinteregger e Rever, invece, in una linea difensiva a quattro sono collocabili sul centro-sinistra. Sfumature rilevanti, perché la società biancoceleste si è messa alla ricerca di due difensori centrali che possano inserirsi in fretta nella Lazio e prendere il posto dei titolari Biava e Dias, in scadenza di contratto e quasi certamente arrivati al capolinea dell’avventura a Formello: se dovessero rinnovare, resterebbero come alternative. Sanchez, in gran segreto, era entrato nei pensieri dei dirigenti biancocelesti già durante il mese di gennaio e sarebbe potuto arrivare se fosse partito Michael Ciani, trattato a lungo e senza esito dal Norwich. Può darsi che la missione spagnola compiuta da Tare la settimana scorsa abbia avuto come scopo anche quello di conoscerlo da vicino e parlare con il giocatore. Il ds della Lazio è stato a Barcellona per un convegno e avrebbe fatto tappa a Malaga. Sanchez, sotto la guida del tedesco Schuster, si è rivelato in questa stagione come uno dei difensori centrali di maggior rendimento della Liga. Ventisei presenze da titolare, un perno del reparto arretrato. Domani compirà 28 anni e ha il contratto in scadenza il 30 giugno 2015. Lo conosce bene il portoghese Eliseu, suo compagno di squadra ormai da tre anni. Alla Rosaleda si sono rilanciati e hanno vissuto, nella passata stagione, una fantastica esperienza in Champions League. Sanchez non è mai stato convocato dalle Furie Rosse, ma all’inizio della carriera giocava con l’Under 21 spagnola ed era considerato uno dei difensori più promettenti. E’ alto un metro e 85. Ha accumulato una solida esperienza con le maglie dell’Espanyol, del Santander, del Siviglia e infine del Malaga: 142 presenze e 3 gol nella Liga, altre 20 (con 2 reti) nella Coppa del Re, più 14 partite tra Europa League e Champions. A un anno dalla scadenza, si sta guardando intorno e potrebbe rappresentare una buona occasione per la Lazio. Il costo del cartellino non è elevato.

 

 

MANCINO –  Reja ha chiesto due difensori centrali per la prossima stagione e Sanchez, nell’eventuale composizione dell’organico, andrebbe considerato come il titolare davanti a Biava (se resterà). Tare cercherà di piazzare il vero colpo sul centro-sinistra. Al momento si conoscono due potenziali obiettivi. In cima alla lista c’è Martin Hinteregger, mancino del Red Bull Salisburgo e della nazionale austriaca, dove forma una solidissima coppia con Dragovic, ex Basilea acquistato l’estate scorsa dalla Dinamo Kiev. La Lazio lo segue da diversi mesi, a gennaio non era avvicinabile, a giugno si potrebbe muovere, ma serviranno sette-otto milioni di euro per strapparlo al club austriaco. Classe ‘92, è sotto contratto sino al 2018. Il nome di Hinteregger sarebbe entrato anche nell’agenda di Wenger, deciso a portarlo all’Arsenal, e della Juventus, convinta di dover prendere un’alternativa di livello a Chiellini per dare l’assalto alla Champions. Ha molta più esperienza e può essere paragonato a Dias, come tipologia di difensore centrale, il brasiliano Humberto Rever. Tare lo voleva nel 2009, era rientrato al Gremio dopo un’esperienza poco fortunato in Bundesliga con il Wolfsburg. E’ il capitano dell’Atletico Mineiro e viene tenuto in considerazione dal ct Scolari per il Mondiale in Brasile: spera di strappare la convocazione in extremis. I siti specializzati lo segnalano in scadenza a luglio. Secondo gli operatori che conoscono il mercato brasiliano, avrebbe invece appena rinnovato il contratto sino al 2018 e in questo caso l’Atletico Mineiro chiederebbe qualche milione per cederlo. Rever può essere tesserato solo da extracomunitario. Come Hinteregger, è abituato a muoversi sul centro-sinistra. (Corriere dello Sport)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy