Lazio, dov’è il sostituto di Candreva? E quello di Keita?

Lazio, dov’è il sostituto di Candreva? E quello di Keita?

Ad agosto non è arrivato il nuovo Antonio, ora rischia di ripetersi la storia col Balde giovane a gennaio

1 Commento

ROMA – La parabola del buon Pastorello racconta la verità. Era ormai una «pecora nera» a Formello, Candreva: «Credo che dalla cessione di Antonio ne abbiano tratto beneficio tutti. Il ragazzo, dopo 5 stagioni alla Lazio, aveva dato tutto – spiega l’agente – e credo che alla fine Lotito abbia fatto bene a cederlo ad una cifra importante (22 milioni più tre di bonus, ndr), investendo poi i soldi per altri giocatori». Secondo l’ultimo prospetto di bilancio 31,25 milioni per quattro acquisti a fronte dei sei nuovi innesti. Ma dov’è il sostituto di Candreva? «Non sarà facile individuarlo, ma ci manca e troveremo un esterno», la promessa di Tare il 10 agosto. Rafforzata dall’aspettativa d’Inzaghi: «La società sta lavorando e io mi fido». Dopo le trattative fallite per Ntep del Rennes, Praet (finito alla Samp), l’irraggiungibile Boudebouz, Viera de Las Palmas e soprattutto in extremis Dirar del Monaco, non sarebbe stata certo Cerci la soluzione, scartato per le condizioni fisiche anche dal Bologna, ma nemmeno il buon Luis Alberto, fantasista tra l’altro con tutt’altre caratteristiche. La Lazio ora punta tutto su Felipe, ma – dopo questa frenetica ricerca – non fateci credere che fosse l’erede scontato di Candreva.

KISHNA – Di necessità (o errori), si fa virtù. Di Luis Alberto sinora c’è traccia solo all’ombra del Colosseo, in una foto da turista per Roma. Magari in questa sosta riuscirà a rimettersi in pari col gruppo, a far vedere tutto il suo valore, ma ancora Inzaghi gli preferisce addirittura il baby Lombardi (prima della rete all’Atalanta a un passo dalla Sembenedettese) e l’unica certezza a destra si chiama Felipe. E il problema è che a sinistra si sta ricreando la stessa situazione: Lazio “costretta” a reintegrare il ribelle Keita per assenza di alternative. L’ultimo ricordo di Kishna, guarda caso, risale a uno spezzone col Chievo. Prima solo 66’ in campo contro l’Atalanta al debutto (con il Balde giovane ancora fuorirosa), poi il buio. Ed ecco la giustificazione di Ricardo dal ritiro dell’Under 21 olandese: «Ci vuole un po’ per abituarsi con un nuovo allenatore. Inzaghi gioca in maniera diversa, devo ancora trovare la mia dimensione». Eppure con Pioli la storia non era poi così diversa. Undici gare in campionato, 2 gol in 557’ totali (meno dei 630’ di de Vrij in queste prime 7 giornate), tante secondo Ricardo: «Ho giocato molto col vecchio allenatore, ma poi c’è stato l’infortunio e il recupero è durato parecchio». In realtà – scrive IlMessaggero – non sembra mai finito.

KEITA – Non lo vede, Inzaghi. E ora, alla luce di quanto successo con il dopo-Candreva, prega ancora per Keita. Che, ironia del destino, potrebbe fare la stessa “fine” nerazzurra: l’agente Calenda chiacchiera con Ausilio, l’Inter non molla il giovane talento. E già a gennaio potrebbe riemergere la telenovela. Non a caso Tare richiama il Rennes per Ntep: «Dipenderà dall’offerta biancoceleste – ammette il ds Buisine – ma anche Grosicki partirà».  E le trattative di mercato non finiscono qui: CONTINUA A LEGGERE

Cittaceleste.it

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. TotoIV - 2 mesi fa

    Il sostituto di Keita è….Keita (non si capisce il senso della domanda)
    Il sostituto di Candreava è Felipe poi c’è Luis Alberto (che in realtà è un sostituto di Stefano Mauri…..forse anche meglio l’importante è che si dimostri all’altezza)
    ma tutte ste cose le sapete giaà no!? Come l’anno scorso vi chiedevate di Patric….un po’ di pazienza poi le risposte con i tempi dovuti arrivano…non credo che facendo domande sciocche siail miglior modo per manfdar via Lotito e rimettere le zampe sull’osso

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy