#LAZIOMERCATO LIVE – Patric atteso a Roma per la firma

#LAZIOMERCATO LIVE – Patric atteso a Roma per la firma

ROMA – A sinistra è tutto un rebus, la soluzione principale è legata alla permanenza di Radu. A destra le idee sono chiare: Basta è il titolare, il suo riscatto dall’Udinese era scontato, l’opzione era legata alle presenze. Il suo vice sarà Patric del Barcellona B, è atteso a Roma…

ROMA – A sinistra è tutto un rebus, la soluzione principale è legata alla permanenza di Radu. A destra le idee sono chiare: Basta è il titolare, il suo riscatto dall’Udinese era scontato, l’opzione era legata alle presenze. Il suo vice sarà Patric del Barcellona B, è atteso a Roma in questi giorni, potrebbe sbarcare da un momento all’altro. Firmerà un contratto di quattro anni, è biondo come Basta, ha 22 anni, vuole dimostrare il suo talento. Il suo procuratore è Horacio Zandonadi, è considerato un’autorità in Spagna, nella sua scuderia c’è Javier Mascherano. Nell’estate 2014 incontrò la Lazio a Roma, ma l’operazione non si chiuse. Lotito e Tare hanno atteso qualche mese e hanno acquisito l’esterno destro a parametro zero. Patric deve solo firmare, ha detto sì da tempo. E’ uno dei baby più promettenti del Barcellona, spera di seguire le orme di Keita. La Lazio ha pescato bene in Spagna, continua a farlo. Patric ha debuttato in Champions League il 26 novembre 2013, nella sfida contro l’Ajax entrò al posto di capitan Puyol. Ha scelto di cambiare aria, ha scelto di mettersi alla prova in Italia. Cercava spazio, non lo trovava. Nel Barcellona era chiuso, ha avuto coraggio, ha lasciato la maglia blaugrana per tentare la fortuna lontano dal club che sognava da piccolo. Patric è duttile, nasce esterno, può giocare a centrocampo, da mezzala. Dopo Hoedt e Morrison è il terzo acquisto della nuova annata.  

 

 

Il ritiro. Patric effettuerà le visite mediche a breve, poi firmerà il contratto che lo legherà ai biancocelesti. Sarà in ritiro ad Auronzo di Cadore, conoscerà Pioli e i nuovi compagni nel giorno del raduno. E’ giovane, non ha paura. E’ cresciuto all’ombra di grandi campioni, frequentando il Camp Nou. Nel Barcellona B ha fatto anche il capitano, è stato uno dei calciatori che ha indossato la fascia. A destra serviva un innesto perché Konko, Pereirinha e Cavanda non offrivano più garanzie. Konko è uscito dai piani societari da un anno, Pereirinha (come del resto il francese) è tormentato dagli infortuni. Cavanda va a corrente alternata, può firmare prestazioni incoraggianti, ma tradisce nei momenti clou (è successo nel derby, è entrato ed è stato decisivo in negativo). Basta e Patric blinderanno la fascia destra. Il primo è una certezza, il secondo è una scommessa che può essere vinta. Ha fame di successi, vuole diventare grande, sa che non basta il biglietto da visita per imporsi.  (Corriere dello Sport)

 

Cittaceleste.it

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy