#MERCATOLIVE – Può essere Rafinha il regalo…

#MERCATOLIVE – Può essere Rafinha il regalo…

ROMA – La nuova Lazio può prendere forma. La società ricomincia dagli acquisti di Hoedt, Morrison (sono chiusi) e Patric (va solo definito). Tutti e tre sono stati presi a parametro zero nei mesi scorsi. La caccia ora riguarderà un centrale difensivo e un centrocampista offensivo, per averli serviranno investimenti,…

ROMA – La nuova Lazio può prendere forma. La società ricomincia dagli acquisti di Hoedt, Morrison (sono chiusi) e Patric (va solo definito). Tutti e tre sono stati presi a parametro zero nei mesi scorsi. La caccia ora riguarderà un centrale difensivo e un centrocampista offensivo, per averli serviranno investimenti, dalle liste a scadenza non dovrebbero spuntare sorprese. I ruoli di interesse sono stati svelati dal club. Un centrale in più occorre perché Ciani andrà via a parametro zero, perché Cana è in bilico (è in scadenza nel 2016, incontrerà la società a giorni) e perché Pioli punterà sulla difesa a tre: necessita come minimo di cinque centrali. In rosa i punti fermi sono De Vrij e Mauricio a destra, poi Gentiletti, Hoedt più Radu (se rimarrà) a sinistra.

 

Non sono stati annunciati acquisti in attacco perché la Lazio è certa: «Klose rimarrà». Miro s’è fatto sentire dopo il trionfo di Napoli, ha parlato del play-off Champions, non ha pronunciato la parola addio. Si aspetta una posizione ufficiale, non ci sono certezze. Il tedesco è in vacanza, parlerà con la famiglia, l’idea di smettere non è ancora tramontata. Se Klose rimarrà, considerando Djordjevic come prima scelta, la società non acquisterà altri attaccanti (da Formello lo assicurano). Da 24 ore circola di nuovo il nome di Gignac dell’Olympique Marsiglia, chiede 4 milioni di ingaggio, è in scadenza. Se Miro chiuderà con il calcio andrà tenuto d’occhio il francese. Di certo andrebbe trovato un accordo sull’ingaggio, non può chiedere cifre da capogiro, dovrebbe quantomeno dimezzare le pretese. Gignac ha 29 anni, ha segnato 21 gol in 38 gare di Ligue 1.

 

Tare cerca anche un centrocampista offensivo per sua ammissione. La definizione non esclude i registi, gli piacciono da sempre giocatori alla Hernanes. Biglia rimarrà, Ledesma è lontano essendo in scadenza. Un anno fa, in gran segreto, il diesse contattò Rafinha del Barcellona, era reduce dal prestito al Celta Vigo: Luis Enrique lo volle con sè dopo averlo allenato per una stagione e l’affare saltò. Rafinha, classe 1993, ha giocato 24 partite nella Liga 2014-15, è partito titolare solo 13 volte. Tare non l’ha mai perso di vista, aveva chiuso l’accordo con il centrocampista, aveva ottenuto il suo sì. Il mercato è imprevedibile, la finale di Champions orienterà le strategie degli spagnoli. Se ci sarà anche solo una possibilità per arrivare al brasiliano, la Lazio proverà a sfruttarla. Lotito e Tare hanno conquistato il terzo posto regalando a Pioli uomini di qualità, ne cercano altri. Per adesso la Champions ha portato nelle casse 12 milioni, possono diventare 40 dopo il preliminare. 

 Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy