#MERCATOLIVE – La Lazio pensa al sostituto di Novaretti

#MERCATOLIVE – La Lazio pensa al sostituto di Novaretti

ROMA – Si muove il mercato in uscita. La Lazio ha chiuso ieri pomeriggio la cessione di Diego Novaretti al Leon. I messicani avevano trattato il difensore argentino anche a gennaio, quando Pioli e il ds Tare bloccarono la cessione per l’emergenza in difesa dopo gli infortuni di Gentiletti, Ciani…

ROMA – Si muove il mercato in uscita. La Lazio ha chiuso ieri pomeriggio la cessione di Diego Novaretti al Leon. I messicani avevano trattato il difensore argentino anche a gennaio, quando Pioli e il ds Tare bloccarono la cessione per l’emergenza in difesa dopo gli infortuni di Gentiletti, Ciani e De Vrij. All’epoca Lotito chiese un milione di euro per il cartellino di Novaretti, preso a parametro zero nell’estate 2013 dal Deportivo Toluca. L’argentino aveva firmato quattro anni di contratto con scadenza 2017. Tornerà in Messico. Cessione a titolo definitivo. Presto verrà ufficializzata l’operazione. Vicino all’addio Lorik Cana. Sta cercando una sistemazione in Bundesliga o negli Stati Uniti. Il suo nome era stato accostato anche all’Olympique Marsiglia, che ieri lo ha salutato attraverso i social in qualità di ex capitano. Il difensore albanese è appena sbarcato su Twitter e tra le tante situazioni sta valutando anche un suo ritorno in Francia. Si vedrà.

 

Zambrano. Novaretti ceduto, Cana in partenza e allora la Lazio tornerà sul mercato per consegnare a Pioli un altro difensore centrale e completare il reparto accanto a De Vrij, Gentiletti, Hoedt e Mauricio. Sono quattro più Radu, centrale con la difesa a tre. Con un nuovo acquisto diventano sei e il tecnico si ritroverebbe due pedine per ogni ruolo, come impone il progetto legato al campionato e agli impegni europei. Nei giorni si parlava di Marco Andreolli, difensore in uscita dall’Inter, allenato da Pioli ai tempi del Chievo. Ieri è spuntata la candidatura di Carlos Zambrano, 26 anni da compiere il 10 luglio, nazionale peruviano impegnato in Coppa America. Profilo assai interessante, difensore di piede destro e di buon livello. Si svincola e si può prendere a parametro zero, ha una solida esperienza europea. E’ cresciuto in Germania con lo Schalke 04 e nelle ultime cinque stagioni ha giocato con l’Eintracht Francoforte, totalizzando 113 presenze in Bundesliga. Nel 2013/14 anche 9 presenze in Europa League. Quest’anno si è fermato a 17 per un infortunio al ginocchio (risolto) e perché non firmava il prolungamento. Valore tecnico e affidabilità di rendimento non si discutono, era stato accostato al Milan. «Deciderò il mio destino dopo la Coppa America» ha spiegato dal Cile. Tre partite da titolare a tempo pieno con Brasile, Venezuela e Colombia.

Esterno. Alla stessa scuderia appartiene un altro nazionale peruviano che tre anni fa era entrato nell’orbita della Lazio. Si tratta di Andrè Carrillo, velocissima ala dello Sporting Lisbona, 24 anni appena compiuti, ex Alianza Lima. Piaceva molto al ds Tare, è un attaccante esterno, ideale per il tridente. Nell’ultimo campionato portoghese ha segnato 5 gol e servito la bellezza di 15 assist, ha giocato anche in Champions. Il suo contratto scade il 30 giugno 2016. Un solo anno e si potrebbe portare via con un prezzo ragionevole. La Lazio ha un canale aperto da tempo con lo Sporting Lisbona e deve saldare il riscatto di Mauricio, preso a gennaio in prestito con l’obbligo di versare due milioni e mezzo. (Corriere dello Sport)

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy