#MERCATOLIVE – Lazio, 11 milioni per Kishna e Milinkovic. E su Clasie…

#MERCATOLIVE – Lazio, 11 milioni per Kishna e Milinkovic. E su Clasie…

ROMA – Kishna, classe 1995, ala dell’Ajax. Milinkovic, classe 1995, regista del Genk. E’ sempre più linea verde, è sempre più modello Borussia Dortmund il mercato della Lazio. Si salutano i senatori (Ledesma e Mauri), si trattano i baby talenti europei, si va a caccia dei migliori. L’indirizzo della società…

ROMA – Kishna, classe 1995, ala dell’Ajax. Milinkovic, classe 1995, regista del Genk. E’ sempre più linea verde, è sempre più modello Borussia Dortmund il mercato della Lazio. Si salutano i senatori (Ledesma e Mauri), si trattano i baby talenti europei, si va a caccia dei migliori. L’indirizzo della società trova conferma nelle strategie, l’opera di ringiovanimento continua. Ricardo Kishna e Sergej Milinkovic sono tra i migliori per il diesse Tare e in quanto a ruoli possono essere i sostituti di Mauri e Ledesma.

Kishna. Per il gioiellino dell’Ajax la Lazio è pronta ad investire 3 milioni di euro. E’ in scadenza nel 2016, ma i lancieri lo valutano 5 milioni. Lotito e Tare cercano occasioni tecniche ed economiche, ci provano sempre. La Lazio vuole forzare la mano per Kishna sfruttando la collaborazione di Mino Raiola (è il manager dell’olandese). Si sta lavorando molto sul mercato Orange sfruttando la collaborazione di Joop Lensen (capo del settore giovanile laziale in attesa di guidare l’Academy “Roberto Lovati”). Ricardo Kishna, ala sinistra e destra, è un giovane che ha fatto esperienza europea nell’ultima stagione: ha esordito in Champions League, ha giocato in Europa League, considerando le presenze collezionate in Eredivisie ha raggiunto quota 40 apparizioni. Sono nate scintille con Frank De Boer, il tecnico dei lanceri. Eppure ha trovato spazio, è il segno della sua forza. Segna e fa segnare, è rapido, in Olanda qualcuno l’ha paragonato al primo Di Maria. Non ci sono strade di mercato agevoli per la Lazio, capita un po’ perché tutti i club che vendono tendono a monetizzare il più possibile e un po’ perché la società cerca sempre di stravincere. Il budget per adesso è limitato, si lavora per chiudere una-due cessioni (Lulic e Keita sono sempre gli indiziati) e per racimolare milioni spendibili.

 

Milinkovic. Dall’Olanda al Belgio, c’è un filo diretto che collega i due Paesi. La Lazio tratta ad oltranza per Milinkovic del Genk. Il suo manager, Mateja Kezman, in settimana ha incontrato la società belga e ha chiesto la cessione. E’ lui a tenere vivi i contatti tra Lazio e Genk, sta cercando di accorciare le distanze esistenti. Il club belga ha chiesto 15 milioni, la Lazio s’è spinta sino ad offrire 8 milioni. Milinkovic vuole l’Italia, vuole i biancocelesti. Il regista ha parlato in Serbia, ha messo fretta alle due società, vuole sapere cosa farà da grande: «Sembra che Lazio e Genk stiano discutendo, nessuno mi ha rivelato i dettagli dei colloqui tra le due società. Non sono stato convocato per nessun incontro, il mio desiderio è capire al più presto quale sarà il futuro, non voglio rimanere nell’incertezza ancora a lungo».

Clasie. A centrocampo, dopo l’addio di Ledesma, serve almeno un acquisto. Milinkovic è la prima scelta, ma ci sono altre piste da seguire. La Lazio, nonostante le smentite, starebbe stringendo per Jordy Clasie del Feyenoord, regista e mezzala. Si sarebbero registrati altri contatti tra la società e il manager dell’olandese. Milinkovic e Clasie possono essere due nomi per lo stesso ruolo, ma hanno età diverse ed esperienze diverse. In caso di doppio arrivo si alimenterebbero i dubbi sulla permanenza di Biglia, un’eventualità da evitare a tutti i costi.

Gli altri. Il mercato delle bufale iniziali pian pianino sta diventando un mercato attendibile. Kishna e Milinkovic sono nomi caldissimi, dietro di loro resistono comunque altre candidature. In attacco sembra sfumato Bakambu del Bursaspor per via dei costi, è viva l’idea Borini (Liverpool). Lui è sempre pensieroso, preferirebbe restare in Inghilterra. La Lazio gli ha proposto un contratto da 1,5 milioni, ma non ha mai trattato con gli inglesi. E’ stato proposto il portiere Vladislav Stoyanov, è bulgaro, è classe 1987, gioca nel Ludogorets, un club molto conosciuto dalla Lazio. (Corriere dello Sport)

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy