#MERCATOLIVE – Affare Zambrano, contatti per Borini

#MERCATOLIVE – Affare Zambrano, contatti per Borini

ROMA – Novaretti ai saluti, Cana vicino all’addio e la Lazio tornerà sul mercato per acquistare un altro difensore centrale e completare il reparto di Pioli. Lotito e il ds Tare sono abili nel cercare i colpi a parametro zero e il profilo di Carlos Zambrano, nazionale peruviano, 26 anni,…

ROMA – Novaretti ai saluti, Cana vicino all’addio e la Lazio tornerà sul mercato per acquistare un altro difensore centrale e completare il reparto di Pioli. Lotito e il ds Tare sono abili nel cercare i colpi a parametro zero e il profilo di Carlos Zambrano, nazionale peruviano, 26 anni, ex centrale dell’Eintracht Francoforte. E’ impegnato in Coppa America. «Deciderò a breve il mio futuro» ha fatto sapere dal Cile. Era stato accostato al Milan, potrebbe interessare alla Lazio, chissà che i dirigenti biancocelesti non si siano mossi per tempo come era successo per Hoedt, Morrison e Patric. L’attendismo presunto in entrata può essere giustificato anche con la necessità di sfoltire un organico pesante e pieno di esuberi. Nei giorni scorsi era emersa la candidatura del croato Leskovic, nazionale di 24 del Rijeka: da Formello sono arrivate smentite. Piace il bulgaro Terziev, cercato dalla Lazio a dicembre, ma il Ludogorets chiede quattro o cinque milioni di euro per il suo cartellino. Pioli s’era informato per Marco Andreolli, 29 anni, in uscita dall’Inter e allenato ai tempi del Chievo. Tra tutti il più bravo e il meno costoso sarebbe Zambrano. Attese novità a breve.

Bakambu. Appassiona il tema dell’attacco. Una punta arriverà. Resta da tenere in prima fila il francese del Bursaspor, 13 gol nell’ultimo campionato turco, classe ‘91, ex Sochaux. La Lazio avrebbe portato avanti un sondaggio nel tentativo di aprire una trattativa. Il Bursaspor partirebbe da una valutazione di 9 milioni di euro. Da Formello non sono arrivate conferme, ma neppure smentite. Conviene non depennare dalla lista dei possibili obiettivi Bakambu. Stesso discorso per Jean Christophe Bahebeck, classe ‘93, gioiello del Paris Saint Germain, ex Valenciennes. E’ stato chiuso da Ibra, Cavani e Lavezzi ma il club transalpino ci crede e ha rinnovato il suo contratto sino al 2019.

 

Borini. L’ex attaccante della Roma è una vecchia passione del ds Tare, che aveva provato a prenderlo ai tempi in cui giocava con le riserve del Chelsea. Ne parlava benissimo Ancelotti. Due anni fa era stato vicino alla Lazio. Borini adesso è davvero in uscita dal Liverpool e spera di tornare nel campionato italiano. Il discorso avviato con il Bologna è stato congelato. La società biancoceleste sta monitorando la situazione e negli ultimi giorni sono stati davvero avviati dei contatti, confermati anche ieri. I Reds chiedono 6-7 milioni di euro per la cessione di Borini. L’identikit tecnico risponde alle esigenze di Pioli: una punta di movimento con caratteristiche diverse da Klose e Djordjevic. Occhio alle occasioni e agli Europei Under 21 si sta mettendo in luce John Guidetti, che si è svincolato dal City dopo aver giocato l’ultima stagione in Scozia con il Celtic. Si tratta però di un centravanti classico e qualche dubbio permane in riferimento alle condizioni fisiche.

Pato. Dal Brasile sono tornati a parlare della Lazio per l’ex attaccante del Milan, vicino al suo ventiseiesimo compleanno. Da Formello le smentite sono arrivate dopo e non prima della pronuncia del Tribunale di San Paolo che negava a Pato la rescissione cautelare del contratto. Il Papero è in prestito sino a dicembre al San Paolo e di proprietà del Corinthians con cui bisogna trattare il cartellino. Ma in questa finestra di mercato sarà molto difficile, a meno che il prezzo non si abbassi. Dal Brasile ieri ipotizzavano 9 milioni di euro e poi abbassata a 6 pagabili in tre anni con rate semestrali. Non è una cifra, almeno per la Lazio, che potrebbe rendere appetibile una scommessa. All’inizio di giugno un emissario del club biancoceleste aveva sondato il terreno, ma Pato era convinto di potersi liberare subito. Il tribunale ha detto no e ha rinviato l’udienza al 3 settembre, quando si sarà concluso il mercato. La pista legata a Pato forse riprenderà corpo alla fine di agosto. (Corrriere dello Sport)

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy