#MERCATOLIVE – Lulic sempre più lontano dalla Lazio: i dettagli

#MERCATOLIVE – Lulic sempre più lontano dalla Lazio: i dettagli

Senad Lulic con le valige pronte. Quale sarà il destino del giocatore bosniaco, storico eroe della coppa italia del 26 maggio 2013?

ROMA – Anche Senad Lulic è in odore di lasciare la Lazio. Dopo Ledesma e Mauri potrebbe salutare anche l’eroe del 26 maggio. Il giocatore bosniaco ha rifiutato due volte il rinnovo proposto dalla società biancoceleste e questo lo mette di fatto sul mercato. Lulic – scrive calciomercato.com – si sente un top player ma al momento il suo guadagno è 700 mila euro l’anno, pochi rispetto ai canoni medi dei calciatori del suo livello. Gli incontri fino a questo momento non hanno portato  ad un accordo che a questo punto difficilmente arriverà.

LA PROPOSTA DELLA LAZIO – La Lazio – come da indiscrezioni esclusive raccolte da Calciomercato.com – è arrivata quasi a raddoppiare il suo ingaggio offrendo circa 1 milione e 100 mila euro, ma il giocatore chiede almeno 1,4 più bonus sul rendimento. Lotito sta cercando di abbassare i costi del monte ingaggi ma perdere un altro centrocampista significherebbe quasi smantellare un reparto intero. Le offerte per il momento non sono tante, tra le squadre accostate finora c’è anche il Borussia Mönchengladbach che al momento però sembra non aver presentato alcuna offerta. Nessun limite alla provvidenza però, Lotito non vuole perdere un giocatore che dai tifosi della Lazio è considerato un vero e proprio mito.

RICORDO – Il riferimento è al famoso e glorioso 26 maggio 2013, giorno della finale di Coppa Italia giocata e vinta con la Roma, nel derby più teso ed elettrizzante degli ultimi anni della storia della stracittadina romana. Partita bloccatissima, con i giallorossi di Andreazzoli reduci da una stagione tutt’altro che esaltante. La Lazio di Petkovic più in palla mentalmente, abile a mettere sotto scacco gli avversari e a mostrare più lucidità contro un avversario troppo impegnato a risolvere i suoi dilemmi interiori. In quella giornata i tifosi laziali spinsero con il cuore e con la voce i loro guerrieri sul campo, fino al fatidico e indelebile minuto 71, con Lulic bravissimo a seguire l’azione e a depositare in rete il più facile ma il più importante dei gol della storia recente della Lazio. Il bosniaco si porta ancora addosso quell’effige eroica, che forse ora sta pesando un pochino soprattutto sulle decisioni della società circa il suo futuro. Qualsiasi sarà la sua decisione, niente e nessuno potrà mai cambiare quel ricordo, quel minuto, quella Coppa.

di Gianluca Viscogliosi

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy