#MERCATOLIVE – Milinkovic sempre più vicino

#MERCATOLIVE – Milinkovic sempre più vicino

ROMA – E’ in sintonia con la società, rispetta il mandato, l’anno scorso è stato messo nelle condizioni migliori per lavorare. Ha fiducia, Stefano Pioli. Ma ha messo un po’ di fretta a Lotito e Tare. Il tecnico aspetta qualche cessione (va sfoltita la rosa) e soprattutto un acquisto entro…

ROMA – E’ in sintonia con la società, rispetta il mandato, l’anno scorso è stato messo nelle condizioni migliori per lavorare. Ha fiducia, Stefano Pioli. Ma ha messo un po’ di fretta a Lotito e Tare. Il tecnico aspetta qualche cessione (va sfoltita la rosa) e soprattutto un acquisto entro il 20 luglio (l’ha detto lui). Il più vicino è Sergej Milinkovic del Genk, il regista individuato da Tare per crescere alle spalle di Biglia. Non dovrà sostituirlo perché ha ancora 20 anni e perché non si può immaginare una Lazio senza il Principito. Per Pioli l’argentino è fondamentale, l’ha ribadito con una avvertenza: non può determinare il mercato (è un altro passo importante della prima conferenza stagionale dell’allenatore). Qualche incertezza sulla permanenza di Biglia c’è, dipende dalla trattativa per il rinnovo (deve ancora iniziare) e dal possibile assalto del Real Madrid.

 

 

Le operazioni. Milinkovic è il più vicino, s’è intuito dal modo in cui Pioli ha risposto alla domanda sul serbo: «Non parlo di giocatori che non sono ancora qui con noi». Milinkovic non è ancora con lui nel ritiro di Auronzo, magari si unirà al gruppo entro la data del 20 luglio. In Veneto si lavorerà sino al 19 luglio, poi la squadra riposerà un paio di giorni. Lotito e Tare, entro quella data, sperano di accontentare l’allenatore regalandogli almeno un regista in più (l’acquisto di un centrocampista centrale è tra le priorità). Servono solo ritocchi, l’ha confermato anche Pioli. La base è valida (considerando però le conferme di Marchetti, Radu e Biglia), nelle idee dell’allenatore continuerà ad essere predominante. Si cercano giovani di prospettiva, capaci di integrarsi e funzionare subito. Milinkovic, per Tare, corrisponde perfettamente all’identikit. L’operazione è in corso da giorni, la Lazio s’è affidata al manager del centrocampista, sta tenendo in contatto i due club. Milinkovic milita nel Genk, ha fatto capire ai suoi dirigenti di voler partire con destinazione Italia. L’ostacolo non è cambiato, è il prezzo. Il Genk è partito da una richiesta di 15 milioni, piano piano starebbe scendendo. Lotito ha offerto 8 milioni, è stato l’unico rilancio effettuato. La distanza si sarebbe accorciata, ma non è ancora stata colmata. Milinkovic è più vicino perché un punto d’incontro può trovarsi. Per il centrocampo si sono rifatte insistenti le voci su Clasie del Feyenoord, è un altro regista. Ha caratteristiche diverse da Milinkovic ed è classe 1991 (il serbo è nato nel 1995). Clasie fungerebbe più da nuovo Biglia anziché da alternativa. L’olandese lascerà il Feyenoord, ha ricevuto un’offerta dal Fenerbahce, il club turco ha già preso Van Persie. (Corriere dello Sport)

Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy